Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Lazio, attenzione a Vlahovic: il bomber serbo che ricorda Vieri

Dusan Vlahovic sabato sfiderà la Lazio. L'attaccante della Fiorentina è già stato etichettato con il centravanti del futuro

redazionecittaceleste

Durante il prossimo turno di campionato la Lazio dovrà scendere in campo all'Artemio Franchi per sfidare la Fiorentina. La trentacinquesima giornata di campionato vedrà Simone Inzaghi, a caccia di punti utili per centrare l'ingresso in Champions League, sfidare una squadra bisognosa di allungare sulla zona retrocessione. Giuseppe Iachini, tecnico dei viola, sa come si conquista la salvezza e vorrà dimostrarlo ancora un volta con la speranza di essere confermato sulla panchina di Firenze anche durante la prossima stagione. L'allenatore del club toscano, potrà certamente fare affidamento sul proprio gioiellino: Dusan Vlahovic.

Talento in erba

L'attaccante serbo è considerato dagli addetti ai lavori come uno dei talenti più promettenti del panorama europeo. Per caratteristiche tecniche e fisiche ricorda particolarmente un ex Lazio, e cioè Christian Vieri: entrambi sono fisicamente molto strutturati poiché alti più di un 1,90, forti di testa e con un piede sinistro capace di essere letale per il portiere avversario. La compagine biancoceleste, perciò, dovrà fare molta attenzione alla punta classe 2000, soprattutto sulle palle inattive. Dato che continuano ad essere uno dei veri punti dolenti di questa squadra.

Il commento

Sul giocatore si è espresso anche l'ex punta Ivica Iliev. Ex calciatore, suo connazionale, con un'importante carriera in Italia passata con addosso le maglie di Messina e Genoa. Questo il suo pensiero per Lady Radio: "Per il suo futuro mi aspetto tutto. Stiamo parlando di uno degli attaccanti più talentuosi in tutta Europa. Secondo me, per il suo bene sarebbe meglio se restasse alla Fiorentina un altro anno. Firenze è una piazza importante che fa bene ai calciatori più giovani. Ora tutto il continente ha conosciuto le sue doti di grande attaccante. Credo anche che sarebbe meglio se restasse a giocare in Italia. La società farebbe bene a rinnovargli il contratto. Tuttavia, qualora non dovessero trovare l'accordo, prenderebbe piede l'ipotesi di una cessione immediata".