• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Juve e United snobbano Milinkovic: “Costa troppo, farebbe panchina”. E i tifosi della Lazio sorridono…

Juve e United snobbano Milinkovic: “Costa troppo, farebbe panchina”. E i tifosi della Lazio sorridono…

di redazionecittaceleste

ROMA – Sembravano le due squadre più intenzionate a convincere Lotito, invece Juventus e Manchester United hanno fatto un grosso passo indietro riguardo l’acquisto di Milinkovic. L’ad dei bianconeri Giuseppe Marotta, ai microfoni di TMW.com, ha infatti chiuso definitivamente l’ipotesi di un trasferimento del serbo in quel di Torino: “Considerati anche i valori di mercato non ci avventuriamo su questa pista. La nostra rosa è già competitiva per quelli che sono i nostri traguardi. Inoltre, abbiamo in cantiere operazioni di livello”. Stessa cosa vale per i Reds. Mourinho non sarebbe disposto a spendere 100 milioni per una riserva, visto che Pogba è inamovibile a centrocampo e Milinkovic ricopre lo stesso ruolo del francese. Ci sono sicuramente altre squadre interessate al Sergente, come ad esempio il PSG, ma per il momento i tifosi della Lazio sorridono, visto che non vorrebbero mai vedere andar via uno degli uomini simbolo della squadra di Inzaghi. L’estate però è lunga, il destino di Sergej resta incerto nonostante le parole dell’agente: Ha ancora un contratto lungo con la Lazio, ma come vi ho detto qualche giorno fa l’interesse nei confronti di Sergej è enorme. Nel calcio non sai mai quello che può accadere da un giorno all’altro, perciò vedremo cosa ci riserverà il futuro. La Champions League è il sogno di tutti quelli che giocano a calcio, ma ha ancora 23 anni e quindi ha tutto il tempo per disputarla”. Il Mondiale è alle porte, Sergej è stato convocato per le amichevoli di preparazione e adesso è concentrato solo sulla Nazionale. Per decidere il futuro c’è ancora tempo.

Calciomercato Lazio, ultim’ora clamorosa su Eto’o!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy