Di Vaio: “Mi aspettavo un derby più combattuto”. Fiore: “Per la Champions sarà decisivo…”

Le parole dei due grandi ex calciatori biancocelesti

di redazionecittaceleste
Lazio: parla Marco Di Vaio

Notizie Lazio

ROMA – Ad aprire la 18° giornata di Serie A è stato il successo trionfale della Lazio nel derby (3-0) di venerdì sera. A chiuderla sarà la sfida fra il Cagliari ed il Diavolo, raggiunto in vetta dai cugini nerazzurri. La squadra di Conte ieri ha vinto nettamente lo scontro diretto contro la Vecchia Signora, Vidal e Barella rilanciano le ambizioni scudetto dei meneghini. Show del Napoli che annienta la Fiorentina, rifilandogli un netto 6 a 0. Fra le big stecca l’Atalanta, che non va oltre lo 0 a 0 in casa contro il Genoa di Ballardini.

A commentare il 18° turno di campionato ai microfoni di TMW Radio, è intervenuto l’ex calciatore biancoceleste Stefano Fiore, che si è soffermato soprattutto sul derby capitolino: “Pensavo che la stracittadina sarebbe stata più equilibrata. La Roma forse ci arrivava anche meglio dal punto di vista mentale, visti gli ottimi risultati e il bel gioco messo in mostra, ma la Lazio ha dominato in lungo e in largo. Gli errori individuali hanno condannato i giallorossi, che non sono stati capaci di ribaltare il risultato. La Roma ne esce ridimensionata. E’ grande con le piccole e piccola con le grandi. Per la Lazio arrivare in Champions sarà dura, là davanti sono tutte forti. Saranno decisivi il Covid e le gare di coppa”.

Anche un altro grande ex laziale, Marco Di Vaio, si è espresso ai microfoni di TMW sul derby capitolino: “La Lazio ha vinto giocando ad alti livelli. Non era facile limitare una squadra forte come la Roma. Ha messo in campo una cattiveria agonistica che gli avversari non hanno avuto. Mi aspettavo un derby molto più combattuto visto il percorso dei giallorossi fino ad ora”.>>> Nel frattempo, parlando di Lazio, ci sono anche altre notizie importanti che stanno arrivando proprio in questi minuti <<<

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy