Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Inzaghi in conferenza: “Guardo al futuro con ottimismo. Se resto? Vedremo…”

Parla Inzaghi

Dopo le parole rilasciate a Sky Sport, molto forti sul rinnovo, arrivano altre parole da parte del tecnico della Lazio, Simone Inzaghi questa sera a Lazio Style Channel

redazionecittaceleste

Dopo le parole rilasciate a Sky Sport, molto forti sul rinnovo, arrivano altre parole da parte del tecnico della Lazio, Simone Inzaghiquesta sera a Lazio Style Channel. A seguire le sue principali parole:

"Stasera abbiamo fatto una buona gara ma non siamo stati bravi nel finalizzare. Con tutte le difficoltà ci abbiamo provato, avendo due-tre ottime occasioni. Andiamo avanti. Dopo l'infortunio di Correa abbiamo cambiato modulo, perché Raul Moro aveva giocato 90' con la Primavera e non poteva entrare subito. Abbiamo espresso un buon gioco ma potevamo fare di più. Sono contento per quanto fatto nella stagione, siamo tornati in Champions e fatto buone cose. Siamo in Europa per il quinto anno di fila. Mi prendo l'esordio di Bertini che è un giovane promettente e se lo meritava per quello che ha fatto in Primavera. Cambierei della stagione le problematiche a giocatori chiave nei momenti decisivi della stagione. Non voglio guardare le cose negative, abbiamo vinto tre trofei e fatti tanti record. Guardo al futuro con fiducia".

Inzaghi in conferenza stampa

 Lazio, Inzaghi

Queste invece le parole rilasciate dal tecnico piacentino in conferenza stampa.

"Avremmo meritato di più, nel primo tempo abbiamo creato poco mentre nel secondo abbiamo avuto occasioni importanti. Non cambiava nulla ai fini della classifica ma ci prendiamo quanto di buono c'è stato in questo campionato e guardiamo avanti. Il bilancio è positivo tra aver centrato l'Europa, i record e la Champions giocata. C'è rammarico per non essere finiti tra le prime quattro ma andiamo avanti consapevoli di quanto fatto. Se resterò? Vedremo, mercoledì ci sarà l'incontro con il presidente e decideremo il da farsi. Armini aveva già esordito due anni fa, Raul Moro l'aveva fatto con la Juve mentre Bertini lo meritava per quanto fatto in Primavera dove sia lui che Moro avevano giocato 90' e non potevo metterli prima pur avendo i giocatori di ruolo contati".