Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Lazio-Genoa, il doppio ex Bizzarri: “Gara difficile. Strakosha? È migliorato”

Albano Bizzarri

Albano Bizzarri, ex portiere di Lazio e Genoa, ha detto la sua in vista della sfida di campionato tra i biancocelesti e i rossoblù

redazionecittaceleste

Durante la vigilia di campionato che vedrà la Lazioaffrontare in casa il Genoa in un match particolarmente importante per i due club, i microfoni ufficiali della società biancoceleste hanno ascoltato e condiviso il pensiero di Albano Bizzarri. Ex portiere passato proprio dai capitolini al Grifone nel settembre del 2013. Per l'argentino quella dell'Olimpico sarà una gara tanto importante quanto difficile. Soprattutto perché i rossoblù hanno bisogno di punti e questa Lazio non ha ancora trovato la propria identità: "Mi aspetto una sfida ricca di pericoli. Il Genoa sono diverse giornate che non vince. Per i liguri sarà una gara importante tanto quanto lo sarà per la Lazio. Il periodo dei biancocelesti non è buono. Tuttavia, quando hai Sarri è necessario dargli tempo prima di ottenere i risultati. Ero felice quando ho saputo che avrebbe guidato il club. Lo ritengo un tecnico esperto e molto competente. La Lazio ha fatto uno step in avanti ma servono rinforzi sul mercato".

Sui portieri

Nel corso della chiacchiera l'ex estremo difensore ha anche detto la sua sulla situazione portieri in casa biancoceleste: "Strakosha e Reina sono due grandi portieri. Lo spagnolo ha più esperienza ma credo che entrambi siano di livello. Ammiro Reina per la sua completezza. Strakosha, invece, ha dimostrato solidità. La concorrenza fa parte del percorso di crescita, sia individuale che collettiva. Thomas è migliorato rispetto a quando l'ho conosciuto. Merito di Grigioni. Lo ringrazio perché, nonostante abbia giocato poco, ha permesso anche a me di crescere".

Sulla programmazione

Dopodiché, prima di chiudere, Bizzarri ha poi rilasciato un commento sulla programmazione: "Se si vuole costruire una squadra competitiva anche in Europa, bisogna avere coscienza del fatto che ogni tre giorni si gioca. I professionisti veri sono quelli che scendono in campo ogni tre giorni. Poi la stanchezza ci può stare. Soprattutto dopo una lunga trasferta".