Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

QDL – Collovati: “Lazio, contro il Bayern ci voleva più concentrazione. E sul rigore non dato…”

Anche l'ex calciatore, Fulvio Collovati, ha voluto dire la sua su Lazio-Bayern Monaco e lo ha fatto ai microfoni di Quelli della Libertà

redazionecittaceleste

ROMA - Il campione del mondo Fulvio Collovati, è intervenuto ai microfoni di Quelli della Libertà, trasmissione in onda su Cittaceleste TV e e su Radiosei. Ecco le parole che ha rilasciato nella puntata odierna condotta da Stefano Benedetti e da Federico Terenzi

 Lazio-Bayern Monaco

L'ULTIMO TURNO DI CHAMPIONS

"Ho commentato la Lazio in radiocronaca. Fa onore ai biancocelesti che non si parli degli arbitri, nonostante le italiane siano state penalizzate. La mia sensazione è che i calciatori avessero un po' di timore reverenziale. I primi dieci o quindici minuti ho visto una squadra molto bloccata. Il Bayern non dimentichiamo che aveva anche svariati assenti. La Lazio ha fatto fatica a ripartire e si è visto. Anche la Juventus ha perso contro il Porto, però per loro fortuna una prodezza di Chiesa ha riaperto la sfida. Chissà se il rigore dato a Milinkovic avrebbe cambiato le cose. Darlo sarebbe stato comunque corretto. La Lazio era impaurita. Poi aver preso subito i primi due goal non ha aiutato. Ai capitolini è mancata la velocità e le ripartenza. Non ho visto la vera Lazio. La sconfitta ci può stare ma no in questo modo".

LA NUOVA MODA NEL CALCIO

Il calcio si sta evolvendo. Anche Guardiola ha smesso di fare il tiki taka. Ora gioca in velocità. Commentando il calcio italiano e quello internazionale, la più grande differenza la fa la velocità. Per questo le italiane vanno in difficoltà con le squadre estere. La costruzione va bene farla ma senza esagerare. Mette troppo in difficoltà la fase difensiva se non la sai fare.

GLI STADI VUOTI

"Il calcio ora è privo di emozioni. L'altra sera, in Champions, mi sono sentito depresso. Sia per il risultato della Lazio che per l'assenza di pubblico. Mi sono messo nei panni dei biancocelesti e ci credo che non hanno avuto stimoli". 

Potresti esserti perso