Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

QDL – Pieretti: “Parole di Lotito giuste ma in un momento sbagliato”

Lotito

Le parole di Claudio Lotito durante la cena di Natale della Lazio sono destinate a far discutere anche in futuro

redazionecittaceleste

Nella puntata andata in onda pochi minuti fa di Quelli della Libertà, trasmissione in diretta su Cittaceleste TV e Radiosei, è intervenuto in qualità di ospite il giornalista Simone Pieretti. Nel corso della chiacchierata, l'addetto ai lavori nonché sostenitore della prima squadra della Capitale ha detto la sua su quanto successo nella cena di Natale in casa Lazio. Il grande protagonista dell'evento è stato il presidente Claudio Lotito che a fine serata ha preso il microfono in mano e ha parlato della situazione all'interno del club. Questo il pensiero di Pieretti poche ore dopo quanto successo: "La cena poteva essere l'occasione per rimanere felici e contenti. Lotito non ha fatto altro che dire ai suoi cosa pensa. Forse è mancato un piccolo mea culpa da parte sua che ci poteva anche stare. Anche se secondo me non era il momento di parlare di certe cose, a cena non c'erano solo il presidente e i calciatori. Fare certe cose di fronte alle famiglie dei protagonisti non è stato il massimo. A mio avviso le cose di lavoro si risolvono nelle sedi opportune".

 Claudio Lotito

Sui calciatori andati via prima

"Non capisco perché alcuni sono andati via prima del tempo. Forse qualcuno, come Basic che secondo me non ne aveva motivo, non aveva ben compreso la situazione. Piuttosto mi stupisco di uno come Radu. Recordman di presenze, non può fare una cosa del genere. Se hai un problema non ti presenti direttamente alla serata. E' stata una mancanza di stile e di rispetto".

Sulla presa di posizione di Lotito

"Lotito ha espresso delle parole giuste ma lo ha fatto in un momento poco adatto. Sarri, il giorno prima, aveva chiesto al numero uno la possibilità di confrontarsi in prima persona con i ragazzi. Il numero uno biancoceleste invece ha deciso di parlare per tutti".