Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Sconcerti: “Con Sarri la Lazio si divertirebbe, ci sono i presupposti per fare bene”

Le parole di Sconcerti

Il giornalista Mario Sconcerti ha rilasciato alcune dichiarazioni quest'oggi a TMW Radio su alcuni temi attuali in casa biancoceleste

redazionecittaceleste

Il giornalista Mario Sconcerti ha rilasciato alcune dichiarazioni quest'oggi a TMW Radio su alcuni temi attuali in casa biancoceleste, dopo la diatriba del caso Inzaghiche ha portato all'addio del tecnico piacentino. A seguire le sue principali parole:

"Fa sempre un grande effetto sapere chi prenderà e dove andrà Sarri. E lo fa anche per lui. A Sarri interessa il progetto tecnico e la Lazio ce l'ha. Lotito è anche un personaggio che difende i suoi allenatori. Ricominciare dalla Lazio per lui sarebbe un buon viatico, molto meglio di tante altre piazze. Nel gioco di Sarri è fondamentale un regista e la Lazio ce l'ha. Potrebbe essere un rilancio perfetto per la carriera dell'ex Napoli. Con Mourinho alla Roma e Sarri alla Lazio, a Roma ne vedrebbero delle belle con il calcio giocato. Sono sicuro che ci divertiremo". 

Le parole di Giordano

 Bruno Giordano

Sullo stesso argomento, alla stessa emittente, è intervenuto anche l'ex giocatore biancoceleste Bruno Giordano. A seguire le sue principali parole:

"Con Sarri la Lazio farebbe un grande salto di qualità. Si ripartirebbe da un allenatore molto bravo con la novità del cambio di modulo. I tifosi sono stanchi del 3-5-2. La novità potrebbe essere vista come qualcosa di positivo. Ma naturalmente conteranno i risultati. Un ridimensionato per Sarri andare alla Lazio? Magari vedendo gli ultimi anni tra Napoli, Juventus e Chelsea sì. Ma prima per lui sarebbe stato un lusso andarci. Poi tutto sta a lui: se si aspetta una squadra che entro un paio d'anni lotti per lo scudetto, credo che resterà deluso. Ma si tratta di un allenatore bravo, che porta le sue idee. Forse qualche sacrificio andrà fatto, tranne Immobile punto fermo gli altri potrebbero essere sacrificati. Anche perché se vuoi fare mercato un pezzo pregiato devi venderlo. Non so se Correa o chi altro, ma va così".