Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Siviglia: “Mi ispiro ad Inzaghi. Non mi piace il calcio estetico che non porta risultati”

parla Siviglia

L'ex difensore della Lazio, Sebastiano Siviglia, ha rilasciato alcune dichiarazioni in una lunga intervista rilasciata al portale calciomercato.com

redazionecittaceleste

L'ex difensore della Lazio, Sebastiano Siviglia, ha rilasciato alcune dichiarazioni in una lunga intervista rilasciata al portale calciomercato.com. A seguire le sue principali parole sui temi attuali in casa biancoceleste.

"Sto studiando da allenatore, mi piacciono molto quelli che puntano sul gioco d'attacco, pragmatico e in verticale. Sono amante di chi non antepone l'estetica all'obiettivo, perché alla fine ciò che conta nel calcio sono i risultati. Ad esempio mi piace molto Jurgen Klopp del Liverpool, perché oltre a giocare un grande calcio, pensa sempre a portare il risultato a casa, la cosa più importante. Inoltre mi dà la sensazione anche di essere un leader empatico. Inoltre mi ispiro molto anche a Simone Inzaghi, anche lui è come Klopp. Sono stato a Formello da Simone per studiarlo, lui è il nuovo che avanza. Da quando è a Roma, negli ultimi quattro anni, ha sempre ottenuto risultati grazie al calcio in verticale e pratico, perché il possesso palla sterile serve a poco. Mi piace molto come gestisce il gruppo e preserva il suo gruppo, facendo le scelte vincenti quando deve. Negli undici titolari la Lazio è tra le squadre più forti della serie A, alla fine può tornare tra le prime quattro e qualificarsi in Champions League".

 Simone Inzaghi

Da Siviglia a...Inzaghi

Mentre Siviglia incensa il suo ex compagno di squadra e pronostica una Lazio di nuovo in Champions Leasgue, Inzaghi ha dovuto pensare all'attuale Champions, con la prestigiosa partita di ieri sera contro il Bayern Monaco. Ecco un estratto delle sue parole ieri dopo la gara:

"Nel primo tempo abbiamo avuto anche delle buone situazioni. Oggi contava soprattutto la prestazione. Usciamo con onore dalla competizione. Con i campioni del mondo ci siamo giocati una buona gara. Sappiamo che ci sono squadre ingiocabili come il Bayern. Il nostro obiettivo era quello di passare il girone e lo abbiamo fatto da imbattuti. C'è grandissimo orgoglio per il cammino fatto in Europa. Da queste partite si capisce la mentalità delle grandissime squadre".

Potresti esserti perso