• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Cucchi: “Lazio divertente a Milano. Paparelli evento che ha segnato tutti”

Cucchi: “Lazio divertente a Milano. Paparelli evento che ha segnato tutti”

Ecco le parole dell’ex radiocronista Rai e noto tifoso della Lazio, Riccardo Cucchi

di redazionecittaceleste

ROMA – La Lazio è stata al centro di molte tematiche in questi ultimi giorni: dai quarant’anni dalla tragedia Paparelli al tabù sfatato in casa del Milan. Di ciò ne ha parlato l’ex radiocronista Rai e noto tifoso biancoceleste Riccardo Cucchi.

Ecco come si è espresso a ElleRadio: “La tragedia di Vincenzo Paparelli non può non aver segnato la coscienza di tutti, è stato un episodio che ha messo in evidenza quanto il calcio potesse prendere una deriva violenta. Un episodio gravissimo che ha gettato nello sconforto la famiglia di Paparelli e che ha segnato l’esistenza del figlio e anche dei nipotini. In quel giorno ci siamo resi conto che qualcosa si era rotto, si era spento un modo di vivere il calcio nei nostri cuori ed era entrato qualcosa di inaudito, la morte. All’evento di ieri alla Regione Lazio ho augurato ai ragazzi presenti, i tifosi del futuro, di non vivere mai una tragedia come quella e di saper riportare il calcio sul binario giusto, quello della passione, dell’emozione e del rispetto”.

Su MilanLazio: “La Lazio a Milano mi ha divertito, ho visto una Lazio brillante nella manovra e capace di saper esprimere un tasso tecnico molto elevato, con giocatori come Ciro e Luis Alberto a livelli altissimi. Di Immobile ho sempre amato il modo di interpretare il calcio con generosità e dedizione, al di là dei 100 gol realizzati, traguardo storico, sa difendere e dispensare assist, è il prototipo del centravanti totale che partecipa ad ogni fase di gioco della sua squadra. Sono convinto che la Lazio sia una buona squadra tecnicamente, è mancata la continuità per ottenere subito determinati traguardi in campo”.

Sul passato e…il presente: “Ho vissuto l’era di Maestrelli e di Chinaglia da tifoso e da giovani ci si fermava a vedere l’allenamento dietro la rete di Tor di Quinto. Si percepiva in quelle ore un’atmosfera particolare, in certi casi anche aggressiva, ma anche la figura paterna di Tommaso Maestrelli, che sapeva tenere insieme quella Lazio un po’ pazza. Inzaghi non può essere considerato un padre, ha solo qualche anno in più dei calciatori, ma può essere considerato più come un fratello maggiore”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy