• LE ULTIME NOTIZIE SULLA LAZIO? TUTTO IN DIRETTA SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Felipe Caicedo: l’apice della carriera in biancoceleste

Felipe Caicedo: l’apice della carriera in biancoceleste

Felipe Caicedo è sempre più un elemento chiave nella rosa di Simone Inzaghi. L’ecuadoriano alla Lazio ha raggiunto l’apice della carriera

di redazionecittaceleste

ROMA – Contro la Sampdoria Felipe Caicedo ha messo a segno la sua quinta rete stagionale. Considerando il suo minutaggio, l’attaccante biancoceleste gonfia la rete in media una volta ogni 107 minuti di gioco. Se si dà un occhiata alla sua carriera si nota che l’apice lo ha raggiunto con la maglia della Lazio. Il centravanti classe ’88 ha mosso i primi calci in Ecuador, nelle fila della Rocafuerte. Ad accorgersi di lui in Europa fa il Basilea, la società svizzera lo acquistò a 18 anni per 400 mila euro. Dopo due stagioni, tra squadra A e squadra B, realizza 11 goal in 45 partite. Ciò fa scattare l’interesse del Manchester City. La squadra inglese non era di certo la forza economica di oggi, eppure sembrava il trampolino di lancio perfetto per Caicedo. Con la maglia degli Sky Blues, in una stagione, gioca 27 partite totalizzando 4 goal. Questo spinge la società a mandarlo in prestito sperando in un suo definitivo sbocciare. Il City, dopo averlo pagato 7 milioni di euro a 20 anni, lo gira in prestito prima allo Sporting Lisbona e poi al Malaga. La seconda stagione è decisamente meglio della prima. Tuttavia il Manchester City preferisce venderlo al Levante per appena 1 milioni di euro, andando così a perderne 6. Caicedo continua il suo girovagare tra Levante, Lokomotiv Mosca. Con le due compagini totalizza 77 presenze in 4 anni, andando in rete per 26 volte. A 26 anni il centravanti della Lazio prende una decisione particolare, non avendo trovato la giusta stabilità in Europa decide di emigrare verso l’Al Jazira, squadre militante del campionato degli Emirati Arabi Uniti. L’esperienza mediorientale dura 6 mesi, dopodiché torna in Europa per approdare all’Espanyol. E’ qui che la dirigenza della Lazio lo nota e decide di accaparrarselo pagandolo appena 2,5 milioni. Il primo anno non è eclatante, al punto che si inizia a vociferare di un suo ennesimo avvio. Successivamente però il tecnico biancoceleste, Simone Inzaghi, scegliere di puntare ancora su di lui. Ora Felipe Caicedo è una garanzia e, a 32 anni ancora da compiere, sta vivendo il momento migliore della sua carriera. I capitolini, grazie anche ai suoi goal e alle sue prestazioni, navigano spediti verso la zona Champions League.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy