Lazio-Juve, Inzaghi chiedeva “testa, cuore e gambe”. La squadra ha risposto e come

La Lazio che si è vista contro la Juventus ha perfettamente messo in campo quello che chiedeva il proprio tecnico alla vigilia

di redazionecittaceleste

ROMA – All’indomani della gara contro la Juventus, la Lazio valuta perlopiù il bicchiere mezzo pieno. 75′ minuti di gran gioco e attenzione tattica.

 

Tra i più soddisfatti, togliendo il risultato, non può che esserci Simone Inzaghi. Nella conferenza stampa di presentazione della gara, il tecnico biancoceleste, tra le varie tematiche toccate, aveva dichiarato che a fare la differenza sarebbero state la grinta e la motivazione.

Come aveva presentato la gara Inzaghi

La Juventus tende sempre a fare i primi minuti a ritmo elevato. Ci siamo preparati per ciò. Dovremmo giocare con testa, cuore e gambe“. Questa una parte della conferenza stampa pre Juve da parte del tecnico della Lazio. Il giorno dopo la bruciante e immeritata sconfitta, si può dire che la squadra ha messo in campo quello che chiedeva il proprio allenatore. Tanto sacrificio.

90 minuti in un ruolo non suo per Marco Parolo. Una difesa rimaneggiata che per la maggior parte della partita lascia le briciole all’attacco bianconero. Un Lucas Leiva monumentale. Il brasiliano abbassa letteralmente la saracinesca a centrocampo, ma va detto che è aiutato da un super lavoro di pressing dei suoi vicini di mediana, Milinkovic e Luis Alberto, e soprattutto di Correa e Immobile. Con questo spirito combattivo, la sensazione è che la Lazio potrà raccogliere molto da qui a maggio, a partire dalla gara di Coppa Italia contro l’Inter di giovedì sera.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy