Lazio-Juve, Pippo Baudo: “CR7 oscura Dybala. Inzaghi Bravo. Tare un genio”

Le parole del celebre presentatore Pippo Baudo in attesa del match di domenica sera tra Lazio e Juventus

di redazionecittaceleste

ROMA – In attesa della gara di domenica sera tra Lazio e Juventus, spunta un Pippo Baudo senza veli, tra punzecchiate a CR7 e elogi a Inzaghi e Tare.

 

Intervistato da Radio Incontro Olympia, il celebre presentatore della storia della televisione italiana, noto tifoso juventino, ha detto la sua sui protagonisti del match. Sono arrivate addirittura critiche per la stella bianconera, CR7. Mentre, per quanto riguarda i biancocelesti, belle parole soprattutto per il tecnico piacentino e il ds albanese.

Le parole di Pippo Baudo:

Sulla Juventus: “Il punto debole della Juventus? E’ Ronaldo. E’ un accentratore, tutto è incentrato su di lui. Contro il Chievo ha giocato male, probabilmente non è sereno per problemi personali. Sono dispiaciuto perché la presenza di Ronaldo rischia di rovinare la carriera di un grandissimo giocatore come Dybala. La Champions non è scontata: l’Atletico Madrid è una squadra difficilissima, io conosco bene Simeone ed è un bravissimo allenatore. CR7 ha anche 33 anni, Dybala ne ha 23: se l’argentino gioca dietro a distribuire il gioco perde lo scatto e la sua caratteristica imprevedibilità.

E continua: “Glielo si legge in faccia che è infelice, non è un uomo di centrocampo per statura fisica ma era bravissimo ad infilarsi tra le linee. Io sono l’unico scontento di Ronaldo, sono una voce fuori dal coro: dato che sono un vero tifoso della Juventus da quando avevo 12 anni mi dispiace che Dybala venga messo da parte. La difesa comincia ad invecchiare, andrebbe rinforzato quel reparto. Szczesny se la sta cavando benino e dietro ha un portiere bravo, ma a centrocampo Dybala è davvero perso“.

Sulla Lazio:Inzaghi mi meraviglia sempre più perché è un bravissimo allenatore. Lotito è stato fortunato, ha anche Tare che è un genio. La Lazio ha una rosa molto giovane, può mettere in difficoltà la Juventus. I biancocelesti giocano bene. Immobile è un giocatore che in area risolve, ma poi tutta la squadra contribuisce. Non vengo alla partita perché soffro moltissimo le grida. Un tempo andavo in Tevere, poi quando uscivo stavo male tutta la notte. Però sono un telespettatore incallito, vedo tutto. I ragazzi della Primavera biancoceleste possono stare tutti in prima squadra, la Lazio ha un rifornimento di giovani pazzesco“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy