• LE ULTIME NOTIZIE SULLA LAZIO? TUTTO IN DIRETTA SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Lazio, Simone Inzaghi studia la miglior formazione per battere il Parma

Lazio, Simone Inzaghi studia la miglior formazione per battere il Parma

Ormai la Lazio può dire di avere già un mezzo piedi in Champions League. Ciò che resta da capire è con quale piazzamento finale ci arriverà

di redazionecittaceleste

Notizie Lazio

ROMA – Dopo il recupero della diciassettesima giornata con l’Hellas Verona, al tecnico Simone Inzaghi non resta che fare la conta degli uomini a disposizione. I biancocelesti erano visibilmente stanchi mercoledì scorso, specialmente sulle fasce. Ad un certo punto il mister ha optato per le forze fresche sulle corsie esterne perdendo quasi definitivamente il pallino del gioco. Ciò dimostra che nel 3-5-2 di Inzaghi gli esterni Lulic e Lazzari sono imprescindibili. Uno è il capitano e l’anima della squadra, l’altro è il tanto agognato oggetto del desidero che finalmente è stato acquistato. Ma cosa succederebbe se la Lazio dovesse fare a meno dei suoi uomini migliori dall’inizio? Purtroppo questo quesito va di pari passo con il club, ma finora a parte qualche assenza qui e lì, il problema non era mai venuto a galla. ma tra qualche giorno, più precisamente domenica contro il Parma, potrebbe succedere. Premettendo che Milinkovic e Radu non ci saranno per squalifica, anche altri componenti della rosa rischiano di essere assenti. Uno di questi è proprio Lulic, oggi ha saltato gli allenamento per una visita medica nella clinica di riferimento, questo apre la prospettiva Jony. Correa dovrebbe tornare in panchina ma ci sono dei dubbi sul suo utilizzo. Rischio anche per Immobile e Caicedo. L’augurio è che in campo possano andare i calciatori migliori. Inzaghi e i suoi ragazzi hanno una striscia aperta di diciassette risultati utili consecutivi, non perdendo a Parma si scriverebbe un record mai visto prima nella storia biancoceleste.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy