• LE ULTIME NOTIZIE SULLA LAZIO? TUTTO IN DIRETTA SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Simone Inzaghi, la scalata verso il successo in biancocesleste

Simone Inzaghi, la scalata verso il successo in biancocesleste

Simone Inzaghi sta scrivendo la storia della Lazio. Il tecnico è giunto a Roma da calciatore, arrivando a guidare la Primavera fino alla prima squadra

di redazionecittaceleste

ROMA – La storia di Simone Inzaghi inizia a Piacenza, città in cui è nato e società per la quale ha mosso i primi calci tra i professionisti. Il destino gli strizza l’occhio già all’inizio della sua carriera, ma l’attuale tecnico biancoceleste all’epoca ancora non lo sapeva. Infatti il suo primo goal da professionista, con la maglia della squadra della sua città, arriva proprio contro la Lazio. Questo spingerà la società capitolina ad acquistare il suo cartellino solo un anno più tardi. Inzaghi arriva a Roma nella stagione 1999-00, quella del secondo scudetto. Con la società biancoceleste gioca fino alla fine della sua carriera, avvenuta nel 2010. Successivamente studia da allenatore per approdare inizialmente sulla panchina degli Allievi Regionali, successivamente su quella degli Allievi Nazionali e infine su quella della Primavera. Il suo cammino però è appena cominciato. Nel 2016, complice un’annata con Pioli non soddisfacente, Inzaghi viene chiamato a traghettare la squadra fino a fine campionato. I risultati sono da subito convincenti, ma questo non basta alla società che l’anno dopo prova a puntare su Bielsa. L’allenatore argentino però non siederà mai sulla panchina della Lazio, spingendo il Presidente Claudio Lotito a scommettere sul tecnico piacentino. Da lì iniziò il suo attuale cammino. Tra i più giovani allenatori della Serie A, l’ex attaccante si mette in mostra riuscendo, nella sua breve ma intensa storia, a vincere e convincere. Adesso il tecnico può vantare 2 Supercoppe italiane e 1 Coppa Italia vinte sulla panchina della prima squadra della Capitale, continuando a scrivere la pluricentenaria storia della Lazio. Il suo cammino non è finito qui, ma adesso può godersi il Natale con la nomea di uno degli allenatori migliori sul palcoscenico nazionale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy