Alfaro, un solitario a Roma – FOTO

ROMA – C’è un gioco con le carte che si fa da soli, si chiama solitario ed è anche la partita che sta giocando Alfaro. Le sue carte, nella partita con la Lazio, non se l’è giocate molto bene. Eccolo, mentre la squadra si rinfresca in Germania e si avvicina…

di redazionecittaceleste

ROMA – C’è un gioco con le carte che si fa da soli, si chiama solitario ed è anche la partita che sta giocando Alfaro. Le sue carte, nella partita con la Lazio, non se l’è giocate molto bene. Eccolo, mentre la squadra si rinfresca in Germania e si avvicina alla prossima stagione nel selva di Teutoburgo, fare una passeggiata solitaria in quel di Ponte Milvio, con le mani in tasca, immerso in mille pensieri.

 

IL RIFIUTO – Da quando non ha accettato di andare al Cesena, la sua vita qui alla Lazio è stata un calvario: nessuna presenza, sempre ai margini della rosa e un infortunio da cui si è ripreso da pochissimo. Anche ad Auronzo, durante le partitelle in famiglia per lui non c’era mai posto, sempre pronto ad allenarsi sulla tecnica individuale con mister Lucarelli. Il suo futuro rimane sempre avvolto dal mistero,tutto da svelare nelle segrete stanze di Formello. Meglio camminarci su, sarà un Alfaro ad illuminare il suo cammino lungo la strada del destino.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy