Occhio a non bruciare il rilancio di Felipe Anderson

ROMA – Quella sostituzione può tagliargli le gambe. Un tempo in campo, non male la prestazione. Felipe Anderson tenta diverse giocate, addirittura un incantevole sombrero, ma deve calibrare la precisione del tiro e del cross. Esagerato il corner calciato direttamente in porta, sotto la spinta degli applausi. Non gradisce del…

di redazionecittaceleste

ROMA – Quella sostituzione può tagliargli le gambe. Un tempo in campo, non male la prestazione. Felipe Anderson tenta diverse giocate, addirittura un incantevole sombrero, ma deve calibrare la precisione del tiro e del cross. Esagerato il corner calciato direttamente in porta, sotto la spinta degli applausi. Non gradisce del tutto, Pioli, che lo sostituisce alla fine del primo tempo. E, dispiace dirlo, ma Candreva è tutta un’altra storia. Soprattutto quanto a concretezza. Il brasiliano ha qualità per giocare come ala, ma ancora si perde nell’ultimo tocco. E’ migliorato parecchio, ma in quel ruolo ha due avversari (oltre Candreva, anche Keita) che al momento sembrano di un livello nettamente superiore. Magari Anderson riuscirà prima del previsto ad adattarsi alle esigenze della squadra oppure Pioli, pur di rilanciarlo, lo reinventerà trequartista magari in un 4-2-3-1. Occhio a non bruciare la risalita di Felipe iniziata a luglio. 

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy