REPLAY – La lunga notte di Inter-Lazio – VIDEO

RIVIVI LA DIRETTA DI TUTTA LA PARTITA E TUTTO IL DOPO PARTIA! FOTO&VIDEO ROMA – Anche quest’oggi, Cittaceleste seguirà insieme a voi la sfida di Milano della Lazio contro l’Inter. Tante news e tanti collegamenti partendo dal nostro inviato Federico Terenzi che ci racconterà l’atmosfera di San Siro anche attreverso…

di redazionecittaceleste

RIVIVI LA DIRETTA DI TUTTA LA PARTITA E TUTTO IL DOPO PARTIA! FOTO&VIDEO


ROMA – Anche quest’oggi, Cittaceleste seguirà insieme a voi la sfida di Milano della Lazio contro l’Inter. Tante news e tanti collegamenti partendo dal nostro inviato Federico Terenzi che ci racconterà l’atmosfera di San Siro anche attreverso la sua radiocronaca. Inoltre, nel prepartita, interverranno nella nostra trasmissione diverse personalità del mondo biancoceleste: Guido De Angelis, Stefano Cieri, Paolo Colantoni e tanti altri. Collegamenti multimediali, foto dallo stadio, approfondimenti e soprattutto voi, con i vostri messaggi e le vostre dirette al 3478740804. La trasmissione partira alle ore 19:00 e proseguirà fino a tarda notte: seguiteci numerosi come sempre. Vi aspettiamo!


TRASMISSIONE TERMINATA, GRAZIE A TUTTI!


 TRASMISSIONE CONCLUSA!

 
LE VOCI 
Federico Marchetti a RadioCittaceleste: “Abbiamo avuto un calo, come tutte le squadre hanno avuto. Noi l’abbiamo avuto nel momento in cui abbiamo anche affrontato l’Europa. Poi, c’è modo e modo di affronare queste situazioni. Classifica? Adesso siamo tutti lì, vediamo. Io credo che arriveremo a pari punti e che alla fine la spunteremo noi, perchè per quel che riguarda i scontri diretti siamo favoriti“.

 
LE VOCI 
 
A RadioCittaceleste è intervenuto anche Claudio Lotito che ha fatto il punto su tante situazioni, dal match di stasera al mercato: “C’è l’udinese che ha vinto, quindi ancora dobbiamo rimanere concentrati fino all’ultimo, poi vediamo che succede. Noi non possiamo fare i conti con il padre eterno. Ora abbiamo recuperato tanti giocatori importanti, quindi la squadra si muove in modo differente. Mercato? Ne parleremo poi. Dobbiamo capire che ambizioni dovrà avere questa squadra, a seconda delle competizioni che dovremo affrontare. Voi ve la cantate e ve la sonate. Si vedrà poi. Il futuro di Hernanes? Chi ha detto che se ne va? Mi faccia capire? Ripeto: ve la cantate e ve la sonate. Oggi abbiamo una squadra che è tornata ai suoi livelli. Noi abbiamo avuto partite in cui non abbiamo concretizzato e dove i fattori imponderabili hanno influito. Futuro di Petkovic? Qual’è il problema? C’è qualcuno che sta male? L’erba voglio cresce solo nel giardino del re. Io sorrido quando dite queste cose. Io la testa me la fascio dopo che sono caduto, non prima. Noi siamo della politica del fare, non del proclamare. Quando ci saranno i problemi, li risolveremo. Lo stadio? Non ci sono movimenti. Anzi, l’unico movimento che c’è è quelli di lingua. Quello c’è sempre. Rocchi? C’è un legame affettivo. E’ stato la punta di diamante dei famosi 9 giocatori in un giorno. “

 
LE VOCI 
Tris della Lazio a ‘San Siro’, Inter al tappeto. Antonio Candreva gioisce a fine gara: “Il merito è di tutti, abbiamo ritrovato la forma migliore. Abbiamo fatto una grandissima annata, adesso restano le ultime due partite più la Coppa Italia. Quella ‘piccola ‘finale vale una stagione – ha detto sorridendo il centrocampista -. Il rigore? Nessuna discussione, oggi il rigorista era lui. Gli ho detto di restare tranquillo“. (Calciomercato.it)

 
LE VOCI 
Francesco Colonnese, ai microfoni di RadioCittaceleste:”Quella di stasera è stata una partita molto strana. La Lazio nei primi venti minuti, poteva vincerla molto più facilmente di come è stata. Poi le cose si sono complicate. Sul rigore a suo favore, c’era anche l’espulsione, ma al di là di questo, è stata una partita fra due squadre non in grande forma: in grande difficoltà. E’ un match che poteva terminare anche in pareggio. La svolta? E’ stata nel doppio cambio di Petkovic, quando è tornato al 4-1-4-1. Prima era troppo offensiva. I cambi, sono stati di qualità e il giocatore in più in mezzo al campo, ha dato molto equilibrio. Onazi poi, ha fatto un grandissimo gol. Nel calcio, ci vuole carattere e fortuna: oggi la Lazio ne ha avuta. Tante volte, è stata sfortunata durante la stagione e una volta tanto è andata bene. Puoi dire, “La lazio è stata fortunata” ma non bisogna scordare che, ripeto, all’inizio del match c’era un espulsione per l’Inter: avrebbe potuto cambiare la partita“. Flash al passato:Alla Lazio sono stato molto bene, nonostante i problemi extracalcistici degli ultimi due anni. Anche se poi alla fine ho avuto ragione io…Essere stato messo fuori così senza motivo, insomma..Comunque, io sono sempre legato all’ambiente Lazio.”

 

FOTO – DOPO IL GOL, ONAZI CORRE AD ABBRACCIARE PETKOVIC:

 
LE VOCI 
Hernanes ai microfoni di Sky al termine del primo tempo: “Se devo essere sincero, neanche sapevo che questa con l’inter era la mia centesima partita in campionato con la maglia dellaLazio. Sono contento di aver segnato qui perché mi mancava un gol in questo stadio e poi dovevo rifarmi per il calcio di rigore sbagliato nel derby”.


STRISCIONE DEI TIFOSI INTERISTI A BUFFON: 9-9-2006 Buffon come e’ giocare il sabato alle 3?

SORPRESA PETKOVIC: LASCIA IN PANCHINA BIAVA:

Lazio (4-4-2): 22 Marchetti – 29 Konko, 20 Biava, 3 Dias, 26 Radu – 87 Candreva, 24 Ledesma, 8 Hernanes, 19 Lulic – 11 Klose 99 Floccari.
A disp.: 1 Bizzarri, 55 Guerrieri, 2 Ciani, 33 Stankevicius, 23 Onazi, 27 Cana, 17 Pereirinha, 15 Gonzalez, 18 Kozak, 25 Rozzi, 28 Saha.

All.:
Petkovic.

Inter (4-3-1-2): 12 Handanovic – 42 Jonathan, 23 Ranocchia, 40 Jesus, 31 Pereira – 17 Kuzmanovic, 10 Kovacic, 19 Cambiasso; 14 Guarin; 18 Rocchi, 11 Alvarez.
A disp: 30 Carrizo, 27 Belec, 28 Pasa, 62 Ferrara, 26 Chivu, 63 Spendlhofer, 24 Benassi, 47 Colombi,7 Schelotto, 61 Garritano, 45 Forte.

All.: Stramaccioni.

 


LE VOCI 
Stefano Cieri, giornalista della Gazzetta dello Sport, è intervenuto ai microfoni di RadioCittaceleste: “Un po tutti, ci aspettiamo una conferma di quello che abbiamo visto domenica. Era da tempo, che non vedevamo una Lazio così. Il 6-0 col Bologna è stato sicuramente importantissimo ma adesso serve una riprova, una conferma. E’ stata una vera guarigione oppure no? Lo capiremo stasera” Lotito ha detto che il calo è dovuto alla squalifiche e gli infortuni..”Non sono solo questi i motivi, ma questi, sono sicuramente importanti. Le squalifiche, ci sono tutti gli anni, gli infortuni però, quelli hanno inciso davvero tanto. Le assenze di Mauri e Klose, sono state determinanti. Se al Napoli si fossero fatti male contemporaneamente Hamsik e Cavani, anche loro, per dire, avrebbero pagato dazio. Volendo però, ossiamo allargare il discorso e dire che la Lazio ha una rosa con un età media abbastanza alta e questo, potrebbe aver “facilitato” certe situazioni negative. A una certa età è più facile che qualcuno si faccia male. La programmazione societaria, andava fatta diversamente. La rosa andrà puntellata e ringiovanita“. Mercato: “Obiettivi? I nomi che sono usciti in queste ultime settimane, sono validi. Però al momento, non credo che sia stato portato a termine nessun affare, a parte quello di Felipe Anderson: siamo alle battute finali. La rosa ripeto, dovrà essere rinnovata, perchè molti andranno a scadenza. 7-8 elementi, o qualcuno in meno, andranno via e dovranno essere rimpiazzati. Da quello che so io comunque, la società si sta muovendo abbastanza. Fa rabbia pensare che la Lazio, aveva praticamente preso Yilmaz (e per cifre irrisorie non è stato portato a Roma) il quale, con l’infortunio di Klose avrebbe certamente fatto comodo. Alla Lazio serve un calciatore come lui, del suo calibro. Servono grandi nomi. Anche in difesa, Biava e Dias sono stati determinanti nel 2010 per la lotta alla salvezza, ma adesso hanno raggiunto un età per cui sono facilmente soggetti ad acciacchi di vario tipo. Occorreranno anche due centrali. Per chiudere, a centrocampo: un centrale, anche lì farebbe comodo”. Chiosa finale: “Nei mesi scorsi ho realizzato un libro su Klose, è uscito tre giorni prima della cinquina al Bologna. Parla della sua storia, una storia professionale molto intensa, di uno che è partito dal basso scalando tutte le posizioni, fino a diventare il re degli attaccanti tedeschi“.


LE VOCI 
Guido De Angelis ai microfoni di RadioCittaceleste: “Si..si.. eccomi! Sono qui allo Stadio, vedo Rocchi che sta parlando con i suoi ex compagni di squadra, baci e abbracci, ma dopo non sarà così. Stasera? Niente. O vinci o niente. Vincendo tutto si mette bene, anche se poi devi andare a cagliari. Non dobbiamo aggrapparci ai risultati delle altre. Se non batti l’Inter, allora significa che la Lazio non è tornata. Speriamo bene. La Roma? Dava la sensazione di poter andare in gol.. però è andata diversamente. E’ andata come con la Fiorentina, per loro. Spietati, per quel che riguarda la fortuna. Poi, nessuno ha gridato allo scandalo per quello che è successo. Hanno immortalato in prima pagina Osvaldo, quando c’era un furto da commentare, enorme. Ma qui a Roma la stampa è così. Le parole di Lotito? (“Il calo della Lazio è colpa della sfortuna e degli infortuni” ndr) Non mi provocare. Non mi piace, dovrebbe dire certe verità, riconoscere i suoi errori. La Lazio è stata sfortunata è vero, ma per 3 anni ci ha lasciato con il cerino in mano. Tutto quello che dice Lotito per me rimane lì e finisce lì.  Il mercato? Capisco i tifosi che hanno bisogno di notizie, ma tutto dipenderà dal finale di stagione che farà la Lazio. Denis? Ha 30 anni..a me piace molto quello del Chievo che ha segnato ieri. Non servono scommesse, ma gente affermata“. Un parere su Rozzi: “A me piace molto, moltissimo“.


 INFO  –
La S.S. Lazio attraverso il proprio profilo twitter ufficiale comunica che:

 

 
 INFO  –
Di seguito, foto e video, realizzate dal nostro inviato Federico Terenzi, a Milano per seguire il match fra Inter e Lazio.

 

 


 

Cittaceleste.it


Dallo studio:  Francesco D’Andrea, Gabriele Gerini, Ramona Marconi.

Regia: Martina De Simone

Radiocronaca: Federico Terenzi

Dalla Redazione: Roberto Maccarone – Francesca Cuccuini – Alberto Abbate – Francesco Pagliaro

Ospiti: Guido De Angelis (RadioSei) Stefano Cieri (Gazzetta dello Sport) Paolo Colantoni (Teleroma56)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy