• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Delio Rossi: “Lazio, rosa migliorata. Sono legato ai capitolini”

Delio Rossi: “Lazio, rosa migliorata. Sono legato ai capitolini”

di redazionecittaceleste
Delio Rossi, ex allenatore della Lazio.

ROMA – Queste le dichiarazioni dell’ex allenatore della Lazio Delio Rossi ai microfoni di Elle Radio:

“Sto seguendo la Lazio perché sono rimasto affezionato a questi colori, poi c’è Simone in panchina e tante persone che conosco. I biancocelesti rubano meno l’occhio rispetto all’anno scorso, ma Inzaghi è stato molto intelligente a non cambiare sistema di gioco a inizio anno per non far perdere riferimenti ai giocatori. La rosa secondo me è qualitativamente migliore rispetto alla scorsa stagione, è solida e il quarto posto in classifica lo dimostra. Domenica con il Sassuolo ha pesato sicuramente l’impegno in Europa League, e poi stanno mancando interpreti come Milinkovic e Luis Alberto”.

SULLA SERIE A

“Sono dell’idea che gli obiettivi bisogna centrarli, non dichiararli. La Lazio l’anno scorso è andata vicinissima alla Champions League, e in questo campionato le squadre che punteranno a tale obiettivo sono sempre le solite. Sicuramente c’è il Milan, anche se ormai non è più il club di anni fa. Poi c’è la Roma, anche se a mio parere la Lazio è superiore ai giallorossi. Per l’Inter peseranno gli impegni in Champions. Bisognerà essere molto attenti in primavera, quando alcune squadre avranno partite importanti e rischiano di perdere punti in campionato”.

MEMORIE BIANCOCELESTI

“Tanti momenti mi legano alla Lazio. Ricordo quando arrivai nella Capitale, con Lotito che si era insediato da poco dopo un’era forse irripetibile come quella di Cragnotti. Io ero un allenatore di provincia e mi ritrovai con una squadra un po’ trascurata, senza tanto pubblico allo stadio e nomi di grido. Quattro anni dopo ci siamo giocati un trofeo, e l’abbiamo vinto davanti a 70.000 laziali. Sapevo che sarei andato via, ma il mio orgoglio è stato ritrovare un pubblico che si riconosceva di nuovo nella sua squadra”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy