Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

gazzanet

Diaconale: “Dobbiamo essere orgogliosi della nostra storia e dei nostri tifosi. Bisogna pretendere trasparenza”

Notizie Lazio: Arturo Diaconale

Ecco le sue parole

cittacelesteredazione

ROMA- Arturo Diaconale, responsabile della comunicazione biancoceleste, ha parlato ai microfoni di Radio Incontro Olympia in occasione del 118esimo compleanno della Lazio: "Ieri sera è stata una gran bella festa di popolo. Mi ha fatto piacere esserci e venire a nome del Presidente. Mi ha fatto piacere a me da laziale, non solo da rappresentante della società. Questa commemorazione diventa sempre più importante. 118 anni di storia e passione hanno prodotto una tifoseria che secondo me non ha eguali. Ieri sera si è toccata con mano questa passione. In un tempo privo d'ideali e amori, c'è invece la Lazio. Qualcosa d'importante che tiene insieme delle comunità".

Ricordi: "Io sono stato laziale dalla più tenera età. Sono felice di avere un ruolo nella società che ho sempre tifato. Naturalmente anche io ho subito cambiamenti. Il contatto con la tifoseria nel corso di questo anno e mezzo mi ha fatto toccare con mano delle realtà che io vivevo quando ero ragazzino e andavo in Curva Nord".

Sul campionato: "La squadra sta dando una dimostrazione di calcio a livello nazionale ed europeo. Dobbiamo essere orgogliosi del lavoro dei ragazzi e di Simone Inzaghi. Dobbiamo pretendere sempre la trasparenza e la regolarità del campionato. Riguarda tutte le squadre. Gli errori non si possono eliminare, ma se rimangono in quota fisiologica. L'errore a Ferrara è una cosa ridicola. Dando questi rigori ne arriverebbero una marea in ogni gara. C'è un po' di contraddizione. Il regolamento viene usato come un elastico sulla base di indirizzi che vengono dati in maniera generica. Questo rischia di provocare confusione ed incertezza negli stessi arbitri. Molti di loro sono in buona fede, qualcuno ci lascia dubitare. La maggioranza io però credo sia in buona fede.

Sulla partita da recuperare contro l'Udinese:"Sarebbe stato meglio giocare con l'Udinese di Del Neri. Oddo gli ha dato una regolata seria. L'Udinese è una bella squadra che farà la sua partita. Dopo aver visto la Lazio di Ferrara sono ottimista per il girone di ritorno in cui secondo me ci prenderemo una soddisfazione anche per i punti che ci hanno tolto in quello d'andata".

Gli obiettivi della società per il nuovo anno: "È migliorata, è stata all'altezza della situazione. Lotito è un ottimo presidente che tiene le redini incassando pregiudizi che non si riescono a superare. L'augurio per il nuovo anno? Mi auguro la Champions League. Quello che mi sta più a cuore è che la coesione che si è realizzata venga potenziata. Quando una squadra gira e ha dietro una tifoseria compatta non la ferma nessuno. Questi momenti magici dovrebbero durare anni, non un campionato. Faremo i 119 e i 120 alla grande".

Cittaceleste.it

Potresti esserti perso