• ACCENDI LA TV, SUL CANALE 85 SIAMO IN DIRETTA: TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SULLA SSLAZIO!

Ferretti: “Contro il Napoli servirà grande spirito di sacrificio, Sergej può fare di più”

Ecco le sue dichiarazioni

di cittacelesteredazione

ROMA- Stefano Ferretti, ex centrocampista biancoceleste, ha parlato ai microfoni di Lazio Style Radio: “La Lazio contro il Genoa ha dominato la partita, la squadra è sempre stata in controllo della gara. Andare al Ferraris, comandare l’incontro, lasciare poco spazio all’avversario e creare almeno sette occasioni da gol è sinonimo di ottima salute e di grande personalità. La squadra sta bene. Il momento è quello ideale per affrontare il Napoli grazie all’entusiasmo che si è creato, alla condizione fisica e mentale della squadra. Forse la Lazio ci arriva con un paio di uomini importanti in meno, Felipe Anderson e Nani. Tutti gli altri però stanno bene, mi aspetto qualcosa in più da Milinkovic che ancora non è al top della sua forma fisica. Queste sono partite da giocare liberi di testa, la squadra di Inzaghi affronta uno delle squadre che esprime il miglior calcio. La squadra di Sarri gioca per vincere ogni partita, ma i biancocelesti non hanno niente da perdere. La partita deve essere giocata con grande attenzione ma anche con grande personalità, la Lazio sta bene. È un test molto bello, la partita è aperta e i biancocelesti, con tutte le loro forze, devono dimostrare a sé stessi e al campionato che ci sono”.

Sul gioco dei biancocelesti: “La squadra di Inzaghi ha vari modi di attaccare la porta: dagli esterni, con gli inserimenti, nell’uno contro uno, nei tiri da lontano, nella capacità di Immobile di fare molto movimento e creare spazio ai compagni. Credo che queste siano armi che una squadra di calcio debba avere, la Lazio sta sfruttando Immobile, ma anche Caicedo che sta trovando la miglior condizione. La capacità realizzativa della Lazio non è legata solo a Immobile, lui è il finalizzatore ultimo che riesce a concludere le azioni. Quella biancoceleste è una squadra che ha varie possibilità di attaccare la porta e tanti giocatori hanno sempre avuto l’occasione di poter realizzare. Questa è una nota positiva. Murgia è giovane, quando viene chiamato in causa dà dinamicità, pressione, inserimenti verso la porta, risulta decisivo in determinate situazioni. Parolo copre le linee di passaggio, aggredisce e ha la capacità di inserirsi in zona gol. Sono due giocatori simili ma Parolo ha maggior esperienza e personalità e l’aggressività che ancora non ha acquisito Murgia. Quella di domani è una partita difficile, la Lazio deve giocare come sa fare, ci vuole grande spirito di sacrificio”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy