Fiore sta con Lotito: “Favorevole al sorteggio integrale come alla moviola”

Ai microfoni de “I Laziali Sono Qua”, trasmissione radiofonica in onda dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13 sugli 88.100 FM, ha parlato Stefano Fiore, ex centrocampista della Lazio e attuale opinionista di Mediaset Premium. Stefano domenica c’è Udinese-Lazio. Tu sei un ex di entrambe e, facendo l’opinionista, hai…

di redazionecittaceleste

Ai microfoni de “I Laziali Sono Qua”, trasmissione radiofonica in onda dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13 sugli 88.100 FM, ha parlato Stefano Fiore, ex centrocampista della Lazio e attuale opinionista di Mediaset Premium.

 

Stefano domenica c’è Udinese-Lazio. Tu sei un ex di entrambe e, facendo l’opinionista, hai modo di seguirle settimanalmente. Che partita ti aspetti?

 

E’ una partita che mette di fronte due squadre che hanno una buona classifica, ma che hanno anche qualche rimpianto. Entrambe hanno lasciato dei punti importanti sul loro cammino. Mi aspetto un match bello e combattuto. L’Udinese ultimamente ha trovato un ottimo assetto di gioco e per la Lazio non sarà facile.

 

Fino a qualche settimana fa la Lazio era considerata una delle migliori squadre sotto il punto di vista del gioco. Secondo te cosa si è bloccato nella squadra di Pioli?

 

Io credo che ci voglia equilibrio nel dare giudizi. Non credo che sia cambiato tanto. Ha qualche giocatore determinante fuori forma o infortunato. Ha subìto due sconfitte inaspettate, ma ha ancora tutte le possibilità di centrare l’Europa League. Per la Champions credo che ormai il treno sia passato.

 

In questi giorni si parla molto di arbitri e di sorteggio integrale. Tu che idea ti sei fatto?

 

Sono favorevole a questo così come sono favorevole all’introduzione della moviola in campo, ma se non cambiano il nostro modo di essere e di approcciarsi al calcio non andiamo tanto lontano. E’ diventato stucchevole sentire tutte queste polemiche sugli arbitri, anche perchè chi più chi meno tutte le squadre subiscono dei torti. Bisognerebbe parlare più di calcio giocato, così come succede all’estero.

 

Candreva e Felipe Anderson. Il primo non riesce a ritrovare lo smalto di inizio stagione, il secondo è diventato un punto fondamentale della squadra. La tua opinione su di loro.

 

Antonio sta vivendo un periodo di appannamento che possono passare tutti i giocatori del mondo. Per di più è reduce da un infortunio muscolare. Deve stare tranquillo, anche se non è facile perchè la gente, da lui, si aspetta sempre la grande giocata. Felipe Anderson ha avuto una grande esplosione. Ritengo che buona parte del merito sia da attribuire a Pioli. Purtroppo anche lui ha subìto un infortunio mentre era al top della forma. Speriamo che già da domenica possa tornare ad essere determinante.

 

Veniamo al capitolo Coppa Italia. Tu l’hai conquistata con noi nel 2003-2004 da capocannoniere (6 reti, ndr). Cosa ti aspetti dalla doppia semifinale con il Napoli?

 

Non sarà semplice. I valori tecnici pendono più dalla parte del Napoli. Ci sarà da stringere i denti all’andata per poi sfruttare al ritorno il fatto che loro hanno l’Europa League da giocare.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy