FM LAZIO – La Nord: “2 pesi e 2 misure”

ROMA – 7 Maggio 2014 – Tutte le dichiarazioni degli addetti ai lavori e dei loro ospiti riguardanti la Lazio e l’ambiente biancoceleste. Tutto dall’etere Romano e non solo. Tutto raccolto in questo articolo, che sarà costantemente aggiornato dalla redazione di Cittaceleste.it. Curva Nord, Radio Sei: “Quello che è successo…

di redazionecittaceleste

ROMA – 7 Maggio 2014 Tutte le dichiarazioni degli addetti ai lavori e dei loro ospiti riguardanti la Lazio e l’ambiente biancoceleste. Tutto dall’etere Romano e non solo. Tutto raccolto in questo articolo, che sarà costantemente aggiornato dalla redazione di Cittaceleste.it.

Curva Nord, Radio Sei: “Quello che è successo e sta accadendo è uno specchio di quello che sta accadendo nella nostra società, lo stadio chiede aiuto al popolo. Allarmato da notizie, dopo di che lo Stato si disinteressa, i media fanno di Gennaro da agnello sacrificale. Questa situazione è lo specchio della nostra società. Per chi si interroga su perchè si è fischiato l’inno di Italia,ricordiamo che sono stati proprio i tifosi a riportare l’inno allo stadio quando i giocatori stessi non ne conoscevano neanche le note.La diffida a Gennaro è finto buonismo, una volta diffidati, si sarà processati bisogna riuscire a rimanere fuori, pagare avvocati, intanto si rimane fuori dallo stadio. Il polverone che si è alzato è evidente. Non si insulta la morte di qualcuno, con la maglietta Speziale libero, ma nel processo ci sono lacune. Si dovrebbe chiedere l’ allontanamento anche di chi applaude alla riammissione nella Polizia di Stato per chi ha causato la morte di un ragazzo, per di più dentro l’ufficio della mamma, al momento quello di cui abbiamo bisogno è l’Italia”.

Guido De Angelis: “Triste. La Lazio è triste: ha bisogno di un mercato serio e si attacca ai giocatori a parametro zero. Stanno pregando Biava che rimanga ancora un anno. Gli altri hanno già rinnovato l’abbonamento in 15mila noi in 15mila non ci andiamo neanche allo stadio”.

Roberto Renga, RadioRadio: “Non sono d’accordo sulla questione allenatori: penso non sia corretto parlare così. Dobbiamo riconoscere i meriti di Reja: sta giocando in ambiente e situazione diverse”

 

Franco Melli, RadioRadio: “La Lazio non deve solo puntare a vincere, ma ha tante situazioni da risolvere. La Lazio deve riportare la gente allo stadio, deve ricompattare tutto. Quando è andato via Petkovic la Lazio era decima e ora è ancora decima. Penso ci sia la volontà di lasciare la squadra a Bollini”

Stefano Benedetti, RadioRadio: “Il problema non è Reja, il problema è che sono proprio scarsi tecnicamente. Ha fatto meno partite e più punti ma non mi sembra abbia cambiato molto. In una panchina così ci puoi mettere anche Mourinho, ma non cambia. Stessa cosa dell’Inter”

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy