Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

gazzanet

Lazio-Vitesse, Raschica: “Domani contro i più forti del girone”. Mister Fraser: “Sarà quasi impossibile vincere”

ROMA – L’attaccante del Vitesse, Milot Rashica, è intervenuto in conferenza per parlare del match contro la Lazio: “Quanto conta questa partita? Molto, sono rimaste solo due partite e vogliamo prendere più punti possibile....

redazionecittaceleste

ROMA - L'attaccante del Vitesse, Milot Rashica, è intervenuto in conferenza per parlare del match contro la Lazio: "Quanto conta questa partita? Molto, sono rimaste solo due partite e vogliamo prendere più punti possibile. Vincere domani? La Lazio non ha mai lasciato punti. La prima partita avevamo molte possibilità di vincere. Nel calcio non si sa mai. Lazio squadra più forte del girone? Vedendo le partite di adesso si. Della Lazio mi piace molto Strakosha, abbiamo giocato insieme nell'Albania U21, è un giovane molto promettente. Se giocherò in Italia l'anno prossimo? Adesso gioco per il Vitesse, il prossimo anno, quando aprirà il mercato vedremo".

Poi è toccato al tecnico Henk Fraser: "Lazio squadra più forte del girone, ma anche il Nizza lo è. La Lazio gioca bene come squadra e ha qualità individuali molto buone. Pasveer giocherà, si sente meglio. Vedremo stasera o domani se giocherà. Farò dei cambi domani? Dobbiamo vedere quanti cambi fare, anche perché ci sono poche possibilità di vincere, sarà quasi impossibile, ma vogliamo fare una bella prestazione anche per i nostri tifosi che saranno molti domani. Qualificazione? Non credo nella qualificazione, perché le occasioni le abbiamo avute e non erano contro la Lazio e contro il Nizza. Quali giocatori ammiro della Lazio? La risposta è semplice, quali no? Luis Alberto, Immobile e Nani sono fortissimi, ma anche a centrocampo e in difesa ha grandi giocatori. Ammiro molto Stefan De Vrij. Derby? Ho visto gli highlights della gara, ho paura che la Lazio sia molto cattiva in campo". Intanto l'Inter continua a seguire de Vrij: CONTINUA A LEGGERE

Potresti esserti perso