• SEGUI LA LAZIO IN DIRETTA: ACCENDI IL CANALE 85 DELLA TUA TV!

Le voci, Albertini: “La Lazio può lottare per la Champions”

Ecco le sue parole…

di redazionecittaceleste

ROMA -Il doppio ex della sfida di domenica Demetrio Albertini, in un’intervista al Corriere della Sera, ha parlato anche delle difficoltà economiche che aveva la Lazio durante la sua unica stagione biancoceleste: “All’epoca ci chiesero di trasformare una parte dello stipendio in azioni: era il piano Baraldi. Preferii strappare il contratto e firmarne uno nuovo, con ingaggio assai ridotto. Se c’è da dare una mano lo faccio volentieri, dissi. Però era tutto strano. Problemi con gli stipendi? Anche quello, ma non solo. Come finì la stagione ci fu un fuggi fuggi generale, tutti scappavano, il fallimento era vicino e nessuno voleva rimanere. Al primo giorno di ritiro della stagione successiva ci ritrovammo nello spogliatoio in cinque più Mimmo Caso, che era l’allenatore della Primavera: con me c’erano Muzzi, Gottardi, forse anche Inzaghi. Decisi di andarmene”. 

SU LOTITO

“Per lui la Lazio è un’azienda e da azienda la amministra. Nel bene e nel male. Però non si è limitato a gestire bene il club sul piano finanziario: ha anche vinto. È vero, i rapporti a volte sono quelli che sono, ma la Lazio funziona”.

LEIVA vs BIGLIA

“Il brasiliano ha caratteristiche differenti dalle mie ma Inzaghi saprà ottenere tanto da lui. Biglia, invece, sotto certi aspetti mi somiglia. È’ anche lento come me, ma conta essere veloci con la testa. Dove può arrivare la Lazio? Ci sono sei squadre per i quattro posti Champions. Inzaghi è in grado di inserirsi tra Juve, Napoli, Roma, Milan e Inter“. Altro scontro del match di domenica avverrà fra i pali: Strakosha vs Donnarumma: CONTINUA A LEGGERE

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy