Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

gazzanet

Le voci, Biava: “Se ripenso al 26 maggio mi vengono i brividi. Lulic è un eroe”

Giuseppe Biava, ex difensore della Lazio.

ROMA – Giuseppe Biava, ex difensore biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio: “Sabato scorso a Ferrara ho visto una bella Lazio. Fare cinque gol in trasferta in Serie A non è mai facile: la Lazio ha portato a casa...

redazionecittaceleste

ROMA - Giuseppe Biava, ex difensore biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio: “Sabato scorso a Ferrara ho visto una bella Lazio. Fare cinque gol in trasferta in Serie A non è mai facile: la Lazio ha portato a casa un risultato eccezionale. Questa squadra, per quanto dimostrato in queste prime 20 giornate di Serie A, può arrivare fino in fondo in campionato. Se mantiene questo tipo di gioco, questa voglia e queste prestazioni, la Lazio sarà una seria candidata per chiudere il campionato nelle prime quattro posizioni. Quando ripenso alla mia esperienza alla Lazio ho bellissimi ricordi, sono stati quattro anni e mezzo importanti per me; sono orgoglioso di aver fatto parte di questa Società di questa squadra e di aver avuto questi tifosi al mio fianco. Porterò sempre questi colori nel cuore. Quel 26 maggio eravamo andati un po’ tutti sopra le righe. È stata la ciliegina sulla torta. Vincere la Coppa Italia battendo i rivali cittadini è indescrivibile, una gioia immensa. A ripensarci vengono i brividi. È stata la vittoria dei tifosi, della squadra e della Società. Lulic è l’eroe di quella partita e continua a dimostrare la sua lazialità. Merita gli elogi e le cose belle che si sono susseguite nella sua carriera. Ho sempre tenuto come ricordo la prima, la seconda e la terza maglia di ogni stagione, così come quelle delle partite nelle quali ho segnato, ed ovviamente quella della finale di Coppa Italia: hanno un valore affettivo importante per me. Sono un bel ricordo. Ogni tanto apro la scatola, le tiro fuori e le guardo con piacere. Il VAR ha aiutato in molte situazioni; sono stati annullati gol che in passato sarebbero stati convalidati. Nonostante l’attesa per l’esultanza, che toglie un po’ il bello di questo sport, secondo me la tecnologia ha aiutato. Il VAR però non ha tolto tutti in dubbi in assoluto, dobbiamo ricordarci che è sempre un arbitro a decidere, ed essendo un uomo può sbagliare, così come capita ai calciatori in campo”. Oggi intanto festeggia il compleanno anche un giocatore biancoceleste: CONTINUA A LEGGERE

Potresti esserti perso