Le voci, McLeish: “Milinkovic talento assoluto. Sono fiero di averlo allenato”

Ecco le sue parole…

di redazionecittaceleste

ROMA – Alex McLeish, ex allenatore di Sergej Milinkovic-Savic ai tempi del Genk, ha parlato del talento serbo a gianlucadimarzio.com. Queste le sue dichiarazioni: “Controllavo i suoi progressi ogni settimana, lui si allenava duramente, intravedevo qualità da grande centrocampista. Sono fiero di averlo allenato, anche col Nizza ha segnato due gol, lo seguo sempre. Quando l’ho allenato era ancora un ragazzino, ora è un uomo. Un talento assoluto di appena 22 anni. Era brillante in attacco ma non in difesa. Così abbiamo parlato, gli ho mostrato alcune azioni che faceva in partita, cosa avrebbe dovuto migliorare. E lui ha capito subito, mi disse che avrebbe cambiato atteggiamento. Abbiamo lavorato molto per farlo diventare un giocatore alla box-to-box, soprattutto mentalmente. Gli dicevo che quando perdeva il pallone non doveva fermarsi, ma continuare a correre. Col tempo ha avuto un impatto pazzesco”. E già allora segnava gol da cineteca: “Contro il Mekelen, me lo ricordo ancora. Pazzesco, da grande giocatore. Alla Ronaldo, dai. O alla Totti, per restare in Italia. Si fece dare il pallone, mirò all’incrocio e la piazzò. E’ un giocatore fantastico”. Eppure il ct della Serbia Muslin non lo convoca: “Non so perché, forse non vogliono interrompere il buon momento della squadra. Si sono qualificati, hanno buoni giocatori e vogliono continuare con loro. Può darsi che lo chiamino ai Mondiali, quello sì. Ora è un altro giocatore rispetto all’inizio”. Invece Nani deve ancora trovare la sua dimensione con la Lazio: CONTINUA A LEGGERE

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy