Le voci, Poli: “Il gruppo dei -9 resterà nel cuore dei tifosi della Lazio”

di redazionecittaceleste

ROMA – Ai microfoni di Lazio Style Channel, 233 di Sky, è intervenuto l’ex attaccante biancoceleste Fabio Poli: “Il 21 giugno del 1987 fu una giornata bellissima, c’erano più di 60 mila persone ad assistere all’ultima giornata di campionato Lazio-Vicenza e lo Stadio Olimpico era pieno. Il giorno prima della gara subii un colpo da Gregucci durante la rifinitura e non riuscii a partire titolare il giorno successivo. Il risultato non si sbloccava, nonostante avessimo imposto il nostro gioco sin dai primi minuti. Solo un grande bomber come Fiorini poteva portarci in vantaggio. Pochi calciatori avrebbero potuto realizzare un gol simile di punta; Giuliano aveva invece grandissime qualità e riuscì a mettere a segno un gol d’autore. Dal ritiro con Fascetti, nel quale ci chiese cosa volessimo fare della nostra stagione, ci siamo uniti e ci siamo affezionati alla maglia. Avevamo degli obblighi nei confronti dei nostri tifosi e siamo riusciti a portare a termine qualcosa di straordinario e, ancora oggi, riceviamo dei riconoscimenti da parte nostri grandi tifosi. Siamo arrivati alla gara contro il Vicenza al termine di un periodo molto difficile, abbiamo affrontato l’ultima giornata con molta tensione. Eravamo poco sicuri di noi stessi, ma siamo entrati in uno stadio fantastico che ci ha dato una grande forza. Non capita spesso di giocare di fronte ad un pubblico simile in Serie B. In campo non ci sono mai tremate le gambe, eravamo sfiduciati dopo aver portato a termine diversi tiri sventati da Dal Bianco. Per fortuna la punta del piede destro di Fiorini ci ha risolto tanti problemi. Se Giuliano non avesse segnato, io non avrei realizzato il gol negli spareggi contro il Campobasso. Nel nostro destino c’era questo, il gruppo del -9 rimarrà nel cuore dei tifosi per questo. Sono molto tranquillo, ma nel tempo ho valorizzato sempre di più quel campionato ed in particolare l’ultima giornata di quest’ultimo. La storia della Lazio è sempre stata caratterizzata da difficoltà dalle quali la squadra è sempre uscita a testa alta. È importante conoscere la storia del Club biancoceleste ed è necessario sapere quanto è difficile centrare risultati importanti. Mi auguro, in tal senso, che Inzaghi possa togliersi tante altre soddisfazioni”. Nel frattempo oggi potrebbe essere una giornata decisiva per Gomez: CONTINUA A LEGGERE

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy