Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

gazzanet

Le voci, Rossi: “Inzaghi diceva che assomigliavo a Holly”

ROMA – Alessandro Rossi, attaccante della Lazio in prestito alla Salernitana, si è raccontato ai microfoni della Lega B: “In realtà da piccolo ho giocato anche a rugby che era lo sport che piaceva a mio padre. A calcio ho iniziato a...

redazionecittaceleste

ROMA - Alessandro Rossi, attaccante della Lazio in prestito alla Salernitana, si è raccontato ai microfoni della Lega B: “In realtà da piccolo ho giocato anche a rugby che era lo sport che piaceva a mio padre. A calcio ho iniziato a giocare a 9-10 anni. Poi ha prevalso la passione per il calcio e la mia voglia di diventare l’attaccante titolare della squadra per la quale faccio il tifo”.

LA FAMIGLIA - “Siamo in 7Mamma, papà, i miei due fratelli e…i due caniMia madre e mia sorella rappresentano per me due punti di riferimento unici. Io e la mia sorella gemella abbiamo sempre fatto lo stesso sport: io giocavo a basket e lei giocava a basket con me, io giocavo a calcio e lei giocava a calcio con me. A 16 anni ha vinto lo scudetto in Serie A. Praticamente abbiamo sempre fatto tutto insieme. Rimpiango di non aver dedicato abbastanza tempo a mio nonno prima che ci lasciasse. Solo ora mi rendo conto che avrei dovuto mettere da parte le cavolate che si fanno da ragazzo per essere più presente nella sua vita”.

LA PRIMA DOPPIETTA - “Un’emozione unica. Non riuscivo a realizzare quello che avevo fatto. Pensavo di dovermi svegliare da un sogno, non ci credevo. E alla fine della partita il mio primo pensiero è stato quello di condividere subito il momento con la mia famiglia". Un gol è stato definito da molti alla Holly e Benji: "Da bambino ero appassionatissimo di quel cartone giapponese e quando sono partito per venire a Salerno mi sono portato dietro una statuetta di Holly con la speranza che portasse fortuna. Ai tempi della Primavera Inzaghi della Lazio mi diceva che io ero come Holly”.

LA SALERNITANA “Praticamente qui sto imparando a fare tutto da solo, ma ho fatto questo scelta anche per mettermi alla prova. Era venuto il momento di crescere. Mi hanno accolto alla grande. Tutti qui mi danno consigli e per me è una grande opportunità. Vengo dalla Primavera della Lazio e sono il più piccolo, avere tanti compagni come Rosina, Perico, Tuia e tutti i più anziani è un’occasione unicaQuasi ogni giorno sono immancabili le sfide con Della Rocca”. Nel frattempo Jessica Immobile ha parlato del futuro di Ciro: CONTINUA A LEGGERE

Potresti esserti perso