Le voci, Scaloni: “Giacomelli? Non credo alla malafede, ma era rigore tutta la vita”

di redazionecittaceleste
ROMA – Il doppio ex della sfida Lionel Scaloni, a Radio Incontro Olympia, ha parlato del match di domenica e del Var: “Con la Lazio ho un rapporto speciale, ma ho sempre fatto il massimo per tutte le squadre con cui ho militato. In campo si può anche sbagliare, però alla fine la gente riconosce l’impegno e fa piacere. Var? Forse passa troppo tempo prima di prendere la decisione definitiva da parte dell’arbitro. Servono dei miglioramenti, a quel punto diventerà un mezzo importante perché farà vincere la squadra che l’avrà meritato. L’importante è sapere quando utilizzarlo, spesso l’arbitro decide di proseguire con la sua scelta. Lunedì credevo che l’arbitro fischiasse rigore e invece ha espulso Immobile: non credo alla malafede però non capisco la decisione. La mano di Iago Falque era così staccata dal corpo che non si può non concedere il penalty. Quello è rigore tutta la vita. Senza gli errori la Lazio poteva essere prima, seconda o terza. L’Atalanta? Poteva avere problemi in campionato vista l’Europa e invece sta giocando una buona stagione. Nonostante abbia venduto i migliori la squadra si sta confermando, ha umiltà, fame e voglia di vincere incredibili. Anche con le grandi gioco al massimo su ogni pallone, vogliono vincere ogni contrasto e attaccare sempre. È difficile trovare una squadra media che gioca così”. Pruzzo intanto polemizza contro la Lazio: CONTINUA A LEGGERE

// separate out the mime component var mimeString = dataURI.split(',')[0].split(':')[1].split(';')[0];

// write the bytes of the string to a typed array var ia = new Uint8Array(byteString.length); for (var i = 0; i

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy