Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

gazzanet

RIVIVI LIVE – Inzaghi: “Abbiamo fallito il salto col Napoli, ora voglio il riscatto a Genova”

Queste le parole del tecnico biancoceleste alla vigilia della sfida di Marassi contro il Genoa

redazionecittaceleste

ROMA - La partita di domani potrebbe consentire a Inzaghi di realizzare un primato storico del club: quello delle vittorie esterne in A. Il miglior risultato, di 9 successi, fu ottenuto con Pioli. Finora ‘Simoncino’ ne ha ottenuti 8. Queste le parole del tecnico biancoceleste alla vigilia della sfida di Marassi contro il Genoa: "E' una gara decisiva per la corsa al quarto posto. Contro il Napoli avevo chiesto una grandissima prova di maturità, questa non c'è stata. Avevamo ancora tutti nella testa l'euforia della finale. Abbiamo sbagliato la gara contro i partenopei, domani voglio il riscatto. La squadra conosce la forza del Genoa, che è ferito e, col cambio d'allenatore, troverà un grande orgoglio. Ho chiesto ai miei ragazzi lo stesso orgoglio. Adesso vogliamo continuare a sognare e avvicinarci a Marassi ancora di più all'Europa".

AVVERSARIO - Torna Juric a Genova, Inzaghi è subentrato a Pioli: "Era la peggior cosa che potesse capitarci. Il Genoa avrà nuove motivazioni, ma troverà una Lazio pronta al riscatto. Ci brucia quanto successo col Napoli". La Lazio ha detto addio alla Champions: "Siamo all'altezza del Napoli, ma abbiamo risentito più degli altri le tre gare in una settimana. Non avevamo mai preso due gol a difesa schierata, forse hanno pesato oltremodo le assenze. Ma non voglio trovare altri alibi, dobbiamo ripartire e far continuare a sognare i nostri tifosi. Sono stati un esempio anche domenica. Io ero arrabbiatissimo, ma l'abbraccio con la nostra gente mi ha rincuorato". Inzaghi ha lavorato sulla testa: "Dovevamo e potevamo fare meglio, senza se e senza ma. Inutile accampare la scusa degli arbitri e delle assenze, adesso il nostro sogno ricomincia da Genova. Ci saranno poi altri scontri diretti e dovremo vincerli".

FORMAZIONE - Keita pronto a tornare dall'inizio: "Lo vedo bene ed è stato sempre perfetto. Nell'ultimo periodo è subentrato e dato il suo apporto. Col Napoli è stato decisivo e poteva riaprire la gara. Domani partirà da titolare, ma lui è sempre stato determinato, anche nel modo con cui si allena e sta in gruppo con i compagni. Li incita pure da fuori. Il suo rinnovo? Non mi compete, ma il mio desiderio è che venga sistemato presto. La società ci sta lavorando, vedremo alla fine". Milinkovic ha rinnovato: "Non gli è stato regalato il prolungamento, se l'è meritato sul campo come Murgia, Lombardi e Strakosha. La società ha premiato la crescita di questi ragazzi".

ROMA - Derby alle 12.30: "A me non piace perché abbiamo visto come le stracittadine di sera di Coppa Italia siano state straordinarie come cornice. E' stato deciso per le tv, noi ci adegueremo. Potremo trovare delle insidie come le troveranno però gli avversari. Il 30 aprile farà caldissimo, ora però mancano 20 giorni".

SVOLTA - Il Milan passa ai cinesi: "Si chiude un'era e se ne apre un'altra. Auguro le migliori fortune al club rossonero. Berlusconi ha fatto un'epoca e vinto tanti trofei anche grazie a mio fratello..."

Cittaceleste.it

Potresti esserti perso