Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

gazzanet

Mandorlini: “La Lazio più libera di testa dell’Inter”

Queste le parole dell'ex tecnico del Verona

redazionecittaceleste

ROMA - Ai microfoni di Radiosei è intervenuto l'ex tecnico del Verona, nonché ex giocatore dell'Inter Andrea Mandorlini: "La Lazio sta facendo benissimo, che è una squadra molto più equilibrata e motivata dell'Inter in questo momento. Ha davanti questo ragazzo incredibile, adesso lo vogliono tutti (Immobile ndr.). Tre giornate fa l'Inter era in testa, le cose cambiano molto velocemente". I biancocelesti conosceranno la prossima avversaria di Coppa Italia questa sera, dopo il derby di Milano: "L'Inter dopo due le ultime due partite non è nel suo miglior momento, il Milan è ancora più tempo. Rimane comunque un derby, è aperta ad ogni risultato. Entrambe vogliono uscire da questo momento. Mi piacerebbe se passasse l'Inter. Sarà sicuramente una partita maschia. Quello di questa sera è un impegno duro. Comunque andrà a finire l'Inter ne uscirà stanca. La Lazio è una squadra convinta e sabato sarà difficile per i nerazzurri. I biancocelesti hanno ancora dei margini di miglioramento, sono convinti dei propri mezzi. Vanno fatti i complimenti a Inzaghi".  E ancora : "Anderson deve ritrovare ancora la migliore condizione, ci vuole ancora un po', naturalmente essere in una squadra che fa risultati e gioca bene, è buono per un giocatore che deve recuperare. L'imprevedibilità dei giocatori della Lazio è importante. Il calcio è fatto di invenzioni personali, aldilà degli equilibri e della tattica. Fantasiosa invece l'Inter non lo è mai stata, quindi sotto questo punto di vista i biancocelesti sono in vantaggio. Io guardo molto le partite. La Lazio è molto più libera mentalmente dell'Inter, che invece ha tante pressioni, dopo alcune stagioni non buone". Infine un commento sulla situazione di Stefan de Vrij: "Come si gestisce de Vrij? Io credo che Inzaghi lo stia utilizzando nel miglior modo. È un professionista di grande livello e farà le sue scelte così come le fa anche Simone. I giocatori sono cambiati, bisogna adeguarsi ai tempi e accettare".

Cittaceleste.it