Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

gazzanet

Marchegiani: “Luis Alberto? Gran bella sorpresa. Anderson è unico”

Luis Aberto

Queste le sue parole...

redazionecittaceleste

ROMA - La Lazio ormai è una realtà importante del nostro campionato. Continuano a piovere attestati di stima sulla squadra di Inzaghi grazie all'ottimo percorso intrapreso nel corso della stagione. A proposito di questo, l'ex-portiere biancoceleste Luca Marchegiani ha rilasciato un'intervista a Il Posticipo: "Se mi aspettavo una Lazio così competitiva? Sinceramente no, dopo le cessioni estive di Biglia e Keita il rischio di un ridimensionamento tecnico era evidente. Però fra innesti adeguati e ottimo lavoro sul campo, la squadra è andata oltre le più rosee aspettative. Merito soprattutto di Simone Inzaghi che si sta dimostrando un grandissimo allenatore. Innegabilmente la Lazio è migliorata sotto tutti gli aspetti. Non era così forte, lo è diventata. Ne apprezzo il gioco e la proposta. Inzaghi ha saputo trarre il massimo da ciascun componente della rosa e il suo peso è incidente. Sa gestire i calciatori e migliorarli dal punto di vista tecnico e tattico".

I PIU' DECISIVI

Immobile e Milinkovic-Savic sono delle sorprese sino a un certo punto. La loro qualità era nota. Sono cresciuti esponenzialmente ma non rappresentano comunque una scoperta come Luis Alberto. Lo spagnolo ha stupito sotto tutti i punti di vista. Quando è arrivato non lo conosceva quasi nessuno. Sembrava destinato a un ruolo da comprimario, poi è scattato qualcosa. Adesso è il giocatore più decisivo della Lazio di Inzaghi. Nello scacchiere tattico ha un ruolo determinante.

SU FA10

Felipe Anderson è un giocatore particolare. Quasi unico. É stato frenato dagli infortuni ma rappresenta un valore assoluto. Nel calcio italiano, che conserva una forte impronta tattica, un calciatore delle sue caratteristiche è una variabile discriminante. Ha qualità e velocità tali da mettere in difficoltà qualsiasi avversario, sia attaccando la linea che scambiando il pallone in velocità. Chi ha un calciatore del genere ha già un valore aggiunto a priori”.

ALTERNATIVE E AFFETTO

“Credo ci sia ancora da lavorare un po’. La Lazio, negli undici e sulla partita secca, può giocarsela con chiunque. Soffre, però, una certa profondità nella rosa e deve ancora acquisire una mentalità vincente anche se la strada intrapresa è quella giusta. Noto tanto affetto nei confronti di questi ragazzi e ne sono contento. La squadra esprime un bel calcio e si è innescato un connubio che effettivamente non si vedeva da tempo. La gente ha percepito che questo gruppo si sta impegnando al massimo e ha capito che in altre realtà questo non succede. Quindi si è legata a questi ragazzi ed è giusto così. Si può dire che questa Lazio merita l’affetto che riceve”.

SUL VAR

“Sono favorevole al Var, anche se capisco l’amarezza. Sono d’accordo alla tecnologia in campo, perché è uno strumento che permette di migliorare la performance degli arbitri e spesso chiarisce diverse dinamiche. Certamente l’errore fa notizia ma più che bocciare il VAR credo sia necessario un miglioramento, inteso nel senso lato del termine. Il progetto va settato e migliorato nella gestione”.

Cittaceleste.it

<a href="https://www.instagram.com/cittaceleste.it/" target=_Blank"> <img src="https://i.imgur.com/zCXeqYb.png" border="0"> </a>

Potresti esserti perso