Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

gazzanet

Mauri avvisa Tare: “Ho finito il corso da Ds e voglio la Lazio. La mia condanna? Se la Lazio è in alto viene sempre attaccata”

ROMA – Nel giorno del suo compleanno, l’ex capitano della Lazio Stefano Mauri è intervenuto ai microfoni di Radio Incontro Olympia: “Grazie per gli auguri! Ho avuto poco tempo in questo periodo per giocare ancora a calcio,...

redazionecittaceleste

ROMA - Nel giorno del suo compleanno, l'ex capitano della Lazio Stefano Mauri è intervenuto ai microfoni di Radio Incontro Olympia: "Grazie per gli auguri! Ho avuto poco tempo in questo periodo per giocare ancora a calcio, qualche partitella con gli amici. Faccio qualche partitella con gli amici. Ho finito da poco il corso da direttore sportivo. Da adesso inizierò a guardarmi attornoSogno di tornare alla Lazio! C'era una mezza promessa a voce, ma non ne abbiamo mai parlato. Igli Tare ha fatto un grandissimo lavoro. Già dai primissimi anni della sua carriera ha dimostrato di avere grandi qualità. Sarà contento anche il presidente del suo operato e del fatto che tanti calciatori acquistati ora hanno un valore decuplicato. La Lazio è anche riuscita ad amalgamare gli acquisti al contrario di altri club che hanno acquistato tanto per acquistare".

INZAGHI - "Ha dimostrato dall'inizio, sin dalle giovanili, di essere un allenatore preparato in grado di motivare i calciatori. Sta riuscendo quest'anno anche a gestire la rotazione con le tre competizioni. Si capiva che Simone sarebbe diventato un grande allenatore. Già da quando giocava era appassionato, guardava tantissime partite. Si vedeva che aveva delle grosse possibilità. Esserlo diventato così in fretta è un merito suo. Non era facile".

LA LAZIO - "Il centrocampo della Lazio mi sembra ben assortito. C'è chi fa la parte di recupero palla. Tutti corrono molto, hanno grossa fisicità. Il reparto è completo. C'è Luis Alberto che sta facendo benissimo il raccordo tra centrocampo e attacco. Non penso ci sia un Mauri alla Lazio oggi. Luis Alberto è più tecnico e ha dribbling, io ne avevo poco. Parolo s'inserisce nelle spazi come me, ma ha altre caratteristiche. Lazio più forte dell'era Lotito? Da fuori è sempre difficile. Sulla carta è un conto. Vederla da dentro e raggiungere risultati è un altro. Una squadra può essere forte, ma ci sono problematiche da affrontare. La Lazio sta facendo benissimo, e sta facendo più o meno quello che stavamo facendo noi".

MILINKOVIC - “Io ci ho giocato insieme l'ultimo anno. E' migliorato tantissimo dopo il suo arrivo. Aveva grandissima personalità e adesso, dopo l'adattamento, è uno dei più forti profili in Italia. Se sia a livello di Pogba non lo so. Bisognerebbe vederlo giocare in una grande squadra a livello europeo. Le squadre che lo potranno comprare sono le più forti del mondo".

MURGIA"Quando viene chiamato in causa dà sempre il suo contributo. Si fa sempre trovare pronto, è un ragazzo che si allena al massimo. Spero e penso che ci sarà sempre più spazio per lui".

CATALDI - "Quando c'ero io aveva fatto molto bene. Si faceva sempre trovar pronto pur giocando poco. Era sempre disponibile negli allenamenti. Voleva migliorare e aveva voglia. Quando le cose vanno meno bene poi per un giovane le cose si complicano. Si è trovato in difficoltà, ha voluto cambiare aria. A Benevento sta trovando continuità. Penso e spero che ritorni alla Lazio. Non so se ci rimarrà, ma le sue potenzialità sono superiori a quelle del Benevento".

MARCHETTI - "Non conosco la sua situazione. Si allena a parte. Non so se troverà squadra in Serie A o all'estero". 

I COMPAGNI PIU' FORTI - "I più forte sono Klose alla Lazio e Roberto Baggio al Brescia. Ho avuto la fortuna di giocare con due grandi campioni. Nessuno mi ha deluso in particolare, la lista è lunghissima. Io ho giocato anche in Eccellenza e in C2. Ho visto calciatori dalle qualità incredibili che magari poi non sono esplosi. Zarate? Aveva qualità incredibili in una stagione, poi si è un po' perso, più per colpa sua che per altri. Ha perso un po' la voglia di allenarsi e di fare sacrifici. Cissé? Ha avuto un po' di problemi fisici quando è arrivato. Quando uno cambia realtà, ha bisogno di un po' di tempo. Lui non ne ha avuto. Ha fatto vedere comunque sprazzi".

RIVINCITE - "È inutile stare qui a parlarne ancora. Io sono stato assolto da tutte le accuse a livello sportivo. Mi hanno dato un'omessa denuncia della quale non ho capito il motivo. Le chiacchiere stanno a zero, contano i fatti.Dispiace che quando scoppiò il caso finì tutto in prima pagina, l'assoluzione in un trafiletto delle ultime. C'è sempre qualcosa che capita quando la Lazio è vicina alla vetta della classifica. Non incideva ai miei tempi, ma ne parlavi. Capivamo che volevano destabilizzare l'ambiente". Ecco la classifica delle dieci figurine Panini più introvabili della storia >>> CONTINUA A LEGGERE

Potresti esserti perso