RICORDI – L’11 febbraio del 1998 El Matador ammutolisce Wembley. Cragnotti gongola 12 giorni dopo la firma. Salas : “Acquistai sicurezza per andare a giocare nella Lazio”

ROMA (di Mi.Bor.) – 11 Febbraio 1998, 11 Febbraio 2015. Sono passati qualcosa come 17 anni da quella lontana notte in cui Marcelo Salas ammutolì Wembley rifilando una doppietta all’Inghilterra. E’ trascorso tanto tempo da quella serata che gli valse i riflettori della stampa mondiale. Le qualificazioni a Francia ’98…

di redazionecittaceleste

ROMA (di Mi.Bor.) – 11 Febbraio 1998, 11 Febbraio 2015. Sono passati qualcosa come 17 anni da quella lontana notte in cui Marcelo Salas ammutolì Wembley rifilando una doppietta all’Inghilterra. E’ trascorso tanto tempo da quella serata che gli valse i riflettori della stampa mondiale. Le qualificazioni a Francia98 e le prestazioni in patria intanto avevano spinto qualche settimana prima Sergio Cragnotti ad acquistarlo. Un regalo per la sua Lazio posticipato di 6 mesi. Il 31 gennaio del 1998 Salas firmava il suo contratto con la società capitolina. Lungimiranti dalle parti di Formello.

 

 

Esordirà in Serie A il 13 settembre del 1998, in un Piacenza-Lazio 1-1. 117 apparizioni, 48 reti, e la convinzione che quel gol lo abbia aiutato nell’approccio con un calcio nuovo che lo vedrà portare in bacheca sei trofei: 2 Supercoppe Italiane, 1 Coppa delle Coppe, 1 Supercoppa Europea, 1 Scudetto e 1 Coppa Italia: “Talvolta uno dimentica le statistiche e i numeri dopo tanti anni – ha rivelato Salas a DNA Radio – ma rimangono lampi di certe serate. Il calcio sudamericano un po’ già mi conosceva, ma quella partita è stato il mio biglietto da visita per l’Europa. Giocavamo contro una squadra forte, vincemmo, e io mi sentii più sicuro. Avevo delle certezze per il mio approdo alla Lazio, per poter giocare in Italia alla pari con gli altri. Presi fiducia non solo per affrontare meglio sul campo gli avversari, ma anche per prepararmi al contorno”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy