Signori: “Scommesse? Rischio di essere una vittima di mala giustizia. Italia paese di moralisti”

di redazionecittaceleste

ROMA – Giuseppe Signori, ai microfoni di ‘Radio Cusano Campus’, ha rilasciato una lunga intervista dove ha parlato anche di calcio scommesse:

SIGNORI E IL CALCIO SCOMMESSE – “Sto aspettando il processo, è stato rinviato tutto ai primi di aprile: non voglio la prescrizione, ma ormai mancano i tempi tecnici. Bisognerà valutare dopo con calma il da farsi. Così rischio di essere una vittima di mala giustizia: chi non ha la possibilità di difendersi subisce un’ingiustizia, è meglio essere condannati o assolti. Io ho preso l’ergastolo sportivo senza essere giudicato. In questi sei anni ho pensato tutto meno che al calcio, ho aperto ristoranti, ho creato la mia linea di caffè”.

RITORNO NEL CALCIO – “L’Italia siamo un Paese di moralisti, vieni giudicato e condannato prima ancora di essere processato. Ho fatto tutt’altro, tornare nel calcio mi piacerebbe ma vedo le difficoltà che hanno determinati calciatori del passato ad avere un posto in panchina o da dirigente, figuriamoci nel mio caso. Non mi illudo”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

ESCLUSIVA, SIGNORI: “NON HO RIMPIANTI CON LA LAZIO”

Seguici anche su Facebook!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy