• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Ventura: “Non tollero menzogne, ho rinunciato a due anni di stipendio”

Ventura: “Non tollero menzogne, ho rinunciato a due anni di stipendio”

L’ex CT della nazionale Italiana, spiega i motivi delle sue dimissioni dalla panchina del Chievo dopo appena un mese.

di redazionecittaceleste

ROMA – Queste le dichiarazioni di Gian Piero Ventura all’ANSA per spiegare le motivazioni che l’hanno portato alle dimissioni:

Stavolta non tollero menzogne, mi sono dimesso dal Chievo non per i risultati (sarei andato via anche in caso di vittoria col Bologna) ma perché io e la società volevamo raggiungere la salvezza attraverso due strade diverse. E ho rinunciato a due anni di contratto senza chiedere né pretendere alcunché. Sono arrivato al Chievo perché il presidente Campedelli è un amico e perché il momento di difficoltà della squadra coincideva con la mia grande voglia di riprendere ad allenare. Ho poi deciso di interrompere il rapporto, non per i risultati, ma quando ho avuto la certezza che, benché volessimo raggiungere lo stesso obiettivo, cioè la salvezza, io e la società volevamo perseguirla attraverso strade diverse. A quel punto, né io potevo pretendere che loro sposassero le mie idee, né loro potevano pensare che io condividessi il loro percorso. Ho rinunciato a due anni di contratto consensualmente“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy