• SEGUI LA LAZIO IN DIRETTA: ACCENDI IL CANALE 85 DELLA TUA TV!

Alleanza Lotito-Mendes per la Lazio: fortuna o sciagura?

Con gli acquisti di Pedro Neto e Bruno Jordao il club biancoceleste entra di diritto nella galassia del super procuratore portoghese

di cittacelesteredazione

di Simone Cesarei

ROMA- E’ stato un calciomercato strano e impronosticabile, quello della Lazio. Risvegliatosi improvvisamente a due giorni dalla chiusura, ha portato nella Capitale un campione affermato come Nani e due giovani di belle speranze, tali Pedro Neto e Bruno Jordao. Il vero capolavoro del presidente Lotito però è stata senza ombra di dubbio la cessione di Keita Balde al Monaco, per una cifra monstre di 30 milioni che, per un giocatore in scadenza di contratto, rappresenta un traguardo non da poco. La situazione è riuscita a sbloccarsi grazie al lavoro di intermediazione del più importante e influente agente al mondo, Jorge Mendes. Il manager, tra gli altri, di Cristiano Ronaldo, ha convinto il Monaco ad investire la cifra da sempre richiesta dal presidente biancoceleste per assicurarsi uno dei talenti più promettentiin Europa e il sostituto naturale di Mbappè, volato al PSG. Quanto è costato alla Lazio l’intervento di Mendes? 26 milioni. La “tassa” è stata pagata con gli acquisti dei due giovani portoghesi dal Braga. Per quanto riguarda l’attaccante classe 2000 Pedro Neto, sono stati spesi 7,5 milioni per il prestito (5 da dare il primo anno), mentre 4 (2,5 la prima stagione) sono serviti per il centrocampista del 1998 Bruno Jordão. Al termine di questi due anni, poi, la Lazio sarà obbligata a riscattarli rispettivamente per altri 9,5 e 4,5 milioni, per un investimento complessivo di 25,5.

ALLEANZA

LOTITO

E’ ancora presto per dire se l’alleanza con Jorge Mendes sia stata un affare per la Lazio o meno. Ciò che è certo è che ormai la Lazio può considerarsi a tutti gli effetti entrata nella Galassia del procuratore portoghese, ovvero in quell’insieme di club che risultano fortemente influenzati dal manager di CR7 e tra cui, guarda caso, ci sono sia Monaco che Braga. Le operazioni con Mendes cominciarono nel 2014 con l’acquisto, nel mercato invernale, di quell’Helder Postiga che si rivelò un flop colossale. La seconda viene registrata l’estate scorsa con l’acquisto da parte della Lazio di Wallace Fortuna dos Santos per 8 milioni di euro. Il centrale brasiliano si è ormai affermato come titolare nella retroguardia di Inzaghi, certificando la bontà dell’investimento fatto. La storia del rapporto con Mendes si conclude la settimana scorsa, con la cessione di Keita e l’acquisto dei due craque, o almeno si spera, portoghesi. Quasi certo è che nei prossimi anni ci saranno altre operazioni con il super agente. L’impressione è che Mendes possa portare alla Lazio talenti purissimi e che potrebbero fare le fortune dei biancocelesti, ma d’altra parte è impossibile non notare come un rapporto cosi stretto possa trasformarsi in subordinazione. La Lazio dovrà fare attenzione per cercare di trarre il meglio da questa collaborazione, senza cadere in balia dei capricci del procuratore più influente del mondo del calcio.

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy