Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

notizie

Un’altra invasione dei laziali a Termini prima di Napoli? Sicuri oltre mille a Bucarest

I laziali non hanno alcuna intenzione di lasciare la squadra sola in questo momento di difficoltà

cittacelesteredazione

ROMA- Aspettatevi un'altra invasione biancoceleste alla stazione Termini. D'altronde il motto è chiaro: “Non ti lasceremo mai”. C'è una Curva intera e non solo al fianco della Lazio. Ieri notte l'iniziativa contro i torti arbitrali davanti alla sede della Figc, sabato se ne preannuncia un'altra per superare l'ultima barricata: il divieto dell'Osservatorio imposto ai laziali – per motivi di sicurezza – di andare al San Paolo. La Nord non si ferma davanti a niente e nulla: «Faremo qualcosa d'imprevedibile per stare comunque vicini alla squadra prima di Napoli». Poi tutti a Bucarest per i sedicesimi di finale d'Europa League: addirittura già oltre mille, i biglietti venduti, per la trasferta contro lo Steaua. Anche oltre i confini nazionali, non si fermano i laziali.

Lazio: i tifosi biancocelesti

Non è un momento facile questo in casa Lazio. Due sconfitte consecutive in campionato, più il pareggio a reti bianche di San Siro contro il Milan, nell'andata della semifinale di Coppa Italia. La Lazio si è riscoperta fragile in difesa, è la squadra che ha subito più gol tra le prime cinque in classifica e in più ci sono dei casi che sembrano sul punto di scoppiare, come quelli di Felipe Anderson e Nani. C'è la volontà di ritrovare quella compattezza che aveva contraddistinto il fantastico girone d'andata biancoceleste, quella spensieratezza che ha permesso ai ragazzi di Inzaghi di esprimere un gioco degno dei suoi tifosi. Sì, perchè il popolo laziale non ha alcuna intenzione di lasciare sola la Lazio in questo momento di difficoltà e allora ecco che, nonostante sia stata vietata la trasferta al San Paolo, sono pronti ad abbracciare i propri beniamini prima della partenza per Napoli.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Seguici anche su Facebook!

Potresti esserti perso