Ecco l’escamotage per riportare gli abbonati della Nord in Sud

C’è una precisa interpretazione della sanzione del giudice sportivo

di redazionecittaceleste

ROMA – Non si può penalizzare un intero pubblico. Così la Lazio si porta i tifosi a Nizza e poi comunque all’Olimpico, anche se la Curva Nord rimarrà chiusa contro Cagliari e Udinese. Trovato l’escamotage tecnico-amministrativo: la sanzione comminata dal giudice sportivo per i buu di Lazio-Sassuolo prevede la chiusura del settore “colpevole”, ma – secondo l’interpretazione della società – non proibisce il trasloco degli abbonati (tessere nominative cancellate per due gare) altrove. Così, dopo aver contemplato l’Osservatorio e sondato il terreno con la Lega, il marketing ufficializza le modalità per il trapasso in Sud: «Gli abbonati in Curva Nord, in virtù della promozione ‘we fight racism’, potranno acquistare per Lazio-Cagliari del 22 ottobre, un tagliando d’ingresso di Curva Maestrelli al costo di 1 euro, solo ed esclusivamente in modalità on-line». La vendita è già partita ieri, insieme a quella libera. Ci sono precedenti con altre società, dovrebbero dunque essere scongiurate sanzioni future. Anche perché persino la Figc – sottolinea IlMessaggero – vede di buon occhio questo richiamo della Lazio a un nuovo esame di responsabilità: «Riteniamo opportuno valorizzare e proseguire nel virtuoso percorso che la tifoseria laziale e la società hanno avviato nel pieno rispetto delle regole, che non può essere annullato o sminuito da comportamenti riferibili a sparuti e inqualificabili soggetti».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy