Felipe dà la scossa, ma lo 0-0 di San Siro è giusto

Partita equilibrata nei numeri contro l’Inter

di redazionecittaceleste

ROMA – Finisce 0-0 l’ultima sfida del 2017 a San Siro contro l’Inter. In una gara parecchio equilibrata (stesso baricentro di 50 metri, possesso 52-48%, tiri 10-11, disimpegni 35-35), le differenze sono state soprattutto tattiche: la grande pressione numerica esercitata centralmente dall’Inter, ad esempio, ha spinto la Lazio a giocare principalmente di ripartenza e quasi esclusivamente sulle fasce. Sui 22 attacchi complessivi portati dai biancocelesti, appena due sono nati da vie centrali: il 9%.

FASCE

Per il resto è stato un “trionfo” delle fasce, sottolinea Laziopage, con 11 attacchi a sinistra (il 50%) e 9 a destra (il 41%). Purtroppo, per questo tipo di gioco, serviva più precisione al cross, e invece solo una volta su 19 (Leiva) il traversone ha trovato un compagno in area, con Marusic che ha chiuso con 0 cross negativi su 5 e Lukaku con 0 su 4. Meglio i fraseggi palla a terra, in particolar modo con l’ingresso di Felipe Anderson. I numeri del brasiliano sono quasi tutti superiori a quelli di Luis Alberto, pur avendo giocato meno della metà del tempo: 3-0 nei tiri, 1-0 nei key passes, 94.7%-75% nei passaggi corretti, 2-1 nei dribbling.

PRESSING

Zero le azioni di pressing collettivo della Lazio, contro le 16 dell’inter, segno evidente dell’impostazione “d’attesa” dei biancocelesti (solo 1 palla recuperata in attacco) ma anche della bravura della Lazio nei disimpegni.

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy