• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Il Milan per tornare finalmente in Luis

Il Milan per tornare finalmente in Luis

Il numero 10 vuole riprendersi la maglia da titolare, col Sassuolo si è visto qualche spiraglio. E oggi pomeriggio ha una grande occasione

di redazionecittaceleste

ROMA – C’è il Milan, Luis Alberto scalpita. Crede molto nei segni, lo spagnolo e l’arrivo dei rossoneri potrebbe essere l’occasione giusta. Per se stesso e per la Lazio.

Tornare re e aiutare la sua squadra a vincere finalmente uno scontro diretto. Sogna la partita perfetta, il biancoceleste. La gara dove tornare a fare magie, ritrovare il sorriso e rinascere una volta per tutte. E mettersi così dietro le spalle un periodo davvero brutto e negativo. Troppi picchi verso il basso e poche, pochissime soddisfazioni. Due gol, qualche aiuto, ma niente di più. Fino adesso ha tentato in tutte le maniere di trovare la serata giusta, ma non c’è stato niente da fare. Tanti errori, spesso dando la sensazione di girovagare per il campo senza avere la minima idea di quello che stava facendo. Un po ‘come avvenuto nel derby, forse la prestazione più deludente fino ad ora. Ma il Milan gli rievoca bei ricordi. L’anno scorso all’Olimpico, lo spagnolo si esaltò e fu incoronato tra i migliori della serata e di tutta la giornata, nonostante la tripletta di Immobile. Da lì fu un crescendo. Fu quella col Milan in casa, vinta dalla Lazio per 4-1, la gara che consacrò il trequartista come una delle più belle sorprese della serie A.

PLAY

In quella gara lo spagnolo iniziò a trasformarsi in uno dei principali trascinatori della squadra. In campo e fuori. Chi lo chiamava Lupo Alberto si dovette ricredere alla svelta e quasi chiedere scusa. L’esatto contrario di quello che sta avvenendo in questi primi mesi., irriconoscibile non solo dai tifosi, ma persino dagli stessi Inzaghi e Tare. Il direttore sportivo, in diverse circostanze, ha tentato di capire il problema, senza ancora aver trovato una soluzione. Lui, il numero dieci della Lazio, qualche timido segnale col Sassuolo l’ha dato, ma è ancora troppo poco. Ma grazie a quei minuti giocati a Reggio Emilia e a quanto sta facendo vedere in campo, col Milan può avere una chance importante. L’ennesima da sfruttare. E lo spagnolo, un po ‘per gioco, un po’ per scaramanzia, oltre agli allenamenti, si è rimesso sotto con la playstation, una delle sue passioni, ma senza esagerare come Dembelè. Spesso le sue giocate improvvise e istintive dell’anno passato, nascono proprio da lì, dalla “console” di casa. E pare che sia lo stesso prima della gara col Milan. E chissà che non nasca qualcosa di buono, visto che ha già portato bene.

IL SIVIGLIA C’E’

Si pensa che il suo malumore estivo, si contatti, sia nato per il mancato ritorno a Siviglia. Lui l’ha smentito, ma proprio ieri dalla città andalusa, uno dei capi scout del club biancorosso, Alejandro Jimenez, ha ammesso di seguire il giocatore. “Non lo molliamo, ma dipende dalle richieste economiche della Lazio”, ha detto il dirigente. Lotito non ha intenzione di lasciar andare indietro, da Formello c’è ancora l’intenzione di ritoccare leggermente il suo stipendio. Un ulteriore stimolo e segno di fiducia, anche per non avere più alibi. Non resta che un suo cenno sul campo, guizzi e magie di una volta per tornare in Luis.

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy