Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

notizie

Immobile-Mertens: sfida tra attaccanti moderni

Il big match di domenica mette di fronte due dei migliori attaccanti del campionato

redazionecittaceleste

di Lorenzo Ottaviani

ROMA - Lazio-Napoli assume le sembianze di una grande sfida, una partita tra due delle squadre più forti di questo campionato che, per definizione, hanno bisogno di grandi attaccanti per definirsi tali. L'identikit corrisponde a Ciro Immobile e Dries Mertens: 21 gol in 33 partite per il primo, 26 in 38 match per il secondo. Un bottino di quasi 50 gol in due per i capocannonieri delle rispettive compagini, che promettono di darsi battaglia nell'atteso posticipo di domenica. La partita è fondamentale per la classifica e Lazio e Napoli si affidano ai loro bomber; probabilmente il migliore fra i due condurrà la propria squadra ad un'importantissima vittoria.

ATTACCANTI ATIPICI: Malgrado l'alta media realizzativa, Immobile e Mertens sono accomunati dal fatto di non corrispondere esattamente al tipico identikit del centravanti classico. Essi infatti fanno del movimento il loro punto di forza, con Immobile che può contare su un fisico robusto che però non intralcia la sua rapidità, mentre il belga è più rapido e brevilineo. L'attaccante di Torre Annunziata ha grande senso del gol e riesce ad occupare tutto il fronte d'attacco riuscendo sia a concludere, sia ad aprire spazi per i compagni; si fa apprezzare inoltre per la generosità e la predisposizione al sacrificio in copertura. Mertens al contrario aiuta di meno la squadra in copertura, ma ha un dribbling secco e un ottimo piede che gli consente di servire spesso i compagni in maniera puntuale agendo da 'falso nueve'-ha servito ben 12 assist vincenti finora-.

Queste caratteristiche peculiari li rendono attaccanti particolari e moderni, in grado di fare le fortune delle loro squadre e di mettere in difficoltà qualsiasi difesa. Leggi anche le parole di Gianni Di Marzio sulla super-sfida di domenica: CONTINUA A LEGGERE

Potresti esserti perso