Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

notizie

Keita: un calcio alla desertificazione

Balde Diao Keita
03-02-2017 Roma
Allenamento Lazio nel Centro sportivo di Formello Amichevole Lazio Vs Capranica
SS Lazio traning day
@ Marco Rosi / Fotonotizia

L'esterno biancoceleste interviene all'università della Tuscia

redazionecittaceleste

ROMA - Questa mattina Keita Baldé Diao ha partecipato alla giornata di studio “Great green wall” organizzata dall’università della Tuscia.

Assieme all'ex Barça , sceso in campo sabato pomeriggio nel 2-1 che i laziali hanno rifilato al Sassuolo, anche altri biancocelesti più giovani e sempre originari del Senegal.

Proprio a quest’area è stata dedicata la mattinata, svoltasi al polo di Agraria e durante la quale è stato presentato l’aratro Delfino, creato dall’agronomo Venanzio Vallerani e attualmente prodotto dal gruppo Nardi. Si tratta di una macchina speciale, capace di scavare buche a semiluna nei campi e farvi depositare l’acqua piovana in grado di far germogliare i semi.

Subito dopo la manifestazione si è spostata in aula del Consiglio recentemente dedicata a Carlo Perrone Pacifico, dove i calciatori hanno donato una maglia del Senegal all’università prima di assistere agli interventi dei relatori che hanno presentato il progetto “Great green wall”.

Un’iniziativa, quest’ultima, a cui partecipano anche l’Unione africana, la Fao e l’Unione europea e che è volta a fermare il degrado in una delle regioni più difficili del pianeta, promuovendo l’uso sostenibile della terra ed evitando al contempo l’immigrazione clandestina.

Sono felice – ha spiegato Keita – perché è bello sapere che in Europa ci sono disponibilità e voglia di aiutare i nostri paesi. L’idea è interessante così come il progetto, per noi è un piacere essere qui”. Nel frattempo si è entrati in pieno clima derby: CONTINUA A LEGGERE

Potresti esserti perso