Cittaceleste.it
I migliori video scelti dal nostro canale

notizie

La difesa illegittima di Bastos nel derby

Come Wallace e Nesta sabato sera, adesso l'obiettivo è ripartire subito

redazionecittaceleste

ROMA - Da dimenticare. Da voltare pagina all’istante, resettare tutto e pensare subito alla prossima. Così sarà, così farà. Dopo Wallace un anno fa, ora è toccato a Bastos. E’ lui stavolta l’eroe in negativo del derby. Due errori decisivi che gravano tanto sull’esito della stracittadina. E in una città come questa, essere protagonista in negativo nel derby, può essere davvero pesante. Pensare che l’angolano arrivava da un periodo eccezionale, molto meglio di quello che aveva fatto vedere la passata stagione Wallace prima di regalare la palla a Strootman per il gol del vantaggio della Roma. Già perché Bartolomeu Jacinto, il suo nome, era reduce da prestazioni fantastiche a livello difensivo e perfino realizzativo, tanto da reggere quasi il ritmo di Immobile, considerando che il centrale angolano nelle ultime quattro gare, derby incluso, aveva segnato la bellezza di due gol. La metà di quanti ne ha fatti bomber Ciro. E per un difensore, soprattutto per uno statico e possente come lui, è una media eccezionale.

LE SCUSE

E da uno che ha un rendimento del genere, nessuno si aspetta che possa arrivare a fare ingenuità simili in una gara così importante e delicata come il derby. Il rigore regalato ad inizio ripresa suona come una beffa, considerato che Kolarov, se non fosse stato atterrato, non sarebbe andato da nessuna parte, visto che su di lui c’erano Parolo e de Vrij in chiusura. Ma forse - sottolinea IlMessaggero - l’errore più grosso e ingenuo è quello successivo sul pressing di El Shaarawy, dove il biancoceleste, non ancora ripresosi dal rigore, si fa strappare la palla dal romanista che dà il via al raddoppio di Nainggolan. Per lui, ma anche per Inzaghi, non è stato facile digerire il tutto. Bastos però ha continuato e invece di fare ulteriori danni, ha cominciato a giocare semplice e non aver più paura, anche se la frittata era ormai fatta. Capita di sbagliare, anche e soprattutto in un derby, basta chiedere a Nesta, a Negro o allo stesso Floccari. Lui però, rispetto ad altri, ha fatto una cosa che difficilmente si vede alla fine di una stracittadina persa. Il buon Bartolomeu Jacinto a fine gara, mentre dall’altra parte si festeggiava, è andato dai suoi tifosi a capo chino, chiedendo scusa per gli errori commessi. Ed è grazie a questo semplice gesto che la gente l’ha subito perdonato. Con la Fiorentina sarà titolare, pronto a riscattarsi, come fece lo stesso Wallace, non facendo toccare palla a Dzeko nei derby successivi.

Cittaceleste.it

Potresti esserti perso