• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

La nuova vita di Caicedo: col Milan inizia il doppiaggio degli assist

La nuova vita di Caicedo: col Milan inizia il doppiaggio degli assist

Ha già sfornato 3 passaggi decisivi, quanto tutti quelli della scorsa stagione in 33 presenze

di redazionecittaceleste

ROMA Una maglia per l’attacco o all’attacco di una maglia. E’ già ripartita la corsa. Riecco Caicedo a rovinare i piani per il Milan di Luis Alberto e Correa.

Stiramento scongiurato, anzi anche oggi è tornato ad allenarsi col pallone a parte sul campo, l’ecuadoriano: «Sono contento, il recupero sta procedendo bene». Felipe si era fermato nell’ultima sgambata prima della gara casalinga col Marsiglia, sarebbe dovuto scendere in campo giovedì scorso con Correa da prima punta. Invece erano toccati a Immobile gli straordinari prima in Europa e poi a Reggio Emilia: «Ciro è un bravo ragazzo, con lui ci troviamo molto bene, ma quando giochiamo insieme è lui il vero attaccante, quello che attacca gli spazi. Io sono un numero nove per caratteristiche, ma con la squadra di quest’anno mi sento più una seconda punta e mi piace. Perché è vero che sono forte fisicamente, ma anche tecnicamente e quindi amo pure fare gli assist». Ne ha sfornati già tre (quanti quelli totali dell’ultima annata in 33 apparizioni), oltre due gol, fra campionato e coppe in nove presenze: «Questo è un momento in cui sto giocando di più rispetto all’anno scorso e devo continuare così. Io mi alleno sempre per fare bene e aiutare la squadra. La strada è ancora lunga, ma io sono pronto». Caicedo ha persino detto no al ritorno in Nazionale per concentrarsi solo ed esclusivamente sulla Lazio, in questa sosta cercherà di tornare al top per il Milan e riprendersi il suo spazio.

NOSTALGIA

L’avevamo lasciato con la Spal, regista sulla trequarti e autore di assist. Galvanizzato, con lo spirito giusto trasmesso a tutta la Lazio. A Reggio Emilia forse è mancato il suo veleno. E persino il suo graffio: spettacolare il filtrante per Immobile, dopo una meravigliosa personale azione, condita da tunnel e protezione assoluta del pallone. Non molto tempo fa i tifosi lo fischiavano, adesso non vedono l’ora di rivederlo. E ieri i bambini dell’istituto Comprensivo Artemisia Gentileschi lo hanno rispedito con sorriso sul prato. Perché Caicedo non sarà un fenomeno, ma con l’impegno ha per esempio fatto sentire meno nostalgia del fantasma Luis Alberto. Col Sassuolo proprio lo spagnolo ha però dato qualche segnale di risveglio, per questo adesso col Milan ripartirà il principale ballottaggio. Inzaghi considera Correa l’uomo più decisivo dalla panchina (10 ingressi), rimane dietro nella gerarchia, il numero 10 e Felipe dovranno lottare per la “vera” maglia. Partono alla pari perché negli ultimi big match hanno fallito entrambi: Luis Alberto con la Roma, Caicedo con l’Inter. Adesso arriva il Milan e oggi partirà la vendita dei tagliandi: «Confidiamo in una grande cornice di pubblico», l’appello della società. E’ partito il conto alla rovescia, insieme al ritorno in gruppo (domani salterà l’amichevole con la Cavese) di Caicedo la prossima settimana.

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy