• TUTTO SUL MERCATO DELLA LAZIO: DOVE? SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Lazio da Champions, accendi un Diavolo in te

Lazio da Champions, accendi un Diavolo in te

I biancocelesti devono approfittare delle pesanti assenze del Milan: l’ex Biglia in buca, Higuain fuori per squalifica

di redazionecittaceleste

di FEDERICO TERENZI

ROMA – Accendi un Diavolo in me! Perché con un po’ di Zucchero la pillola Champions va più giù. Montagne russe del campionato sali scendi di emozioni l’Olimpico accende i fari su Lazio-Milan: 22 attori e due registi.

Simone Inzaghi ufficiale gentiluomo ancora alla ricerca del Sergente migliore il cui passaggio al Milan poteva davvero destare scalpore: pagamento dilazionato e contropartite ma a Claudio queste cose non sono mai piaciute. Dall’altra parte salvate il soldato Gattuso che ha mezza squadra fuori uso. Biglia in buca, Gonzalo che lo ha messo ne Higuain e Romagnoli insieme a Caldara e Musacchio per una difesa che non è certo uno spauracchio. Anche Inzaghi si affiderà a Milan per battagliare con il Milan: toccherà a lui tenere a Badelj la mediana rossonera. Lucas si Leiva di mezzo: rientro forzato con il Sassuolo e per Inzaghi si va verso l’ennesimo dolo.

BOMBER MADE IN ITALY

Ciruzzo bello a papà dei laziali è diventato un gran pascià. Tiri Mancini in nazionale ma con la Lazio è un’arma letale. Segna al volo di destro e sinistro per tutte le difese un incubo mai visto. C’è chi segue le orme del campione quel ragazzino di nome Patrick Cutrone. Con la Lazio ha segnato di mano creando intorno a lui un grande baccano: smaliziato al punto giusto con Re Gonzalo a prenderlo per mano, il futuro roseo non sembra così lontano. Promettono battaglia sul prato dell’Olimpico cercando di segnare Mogol davanti al terreno di gioco arato a più non posso dai colossi del rugby in un clima di festa mai visto.

ORA O MAI PIU’

Lazio e Milan sono divise da un punto in classifica, siamo ancora all’inizio ma chi ben comincia è a metà dell’opera. Quattro sconfitte con le big bable dure da masticare a chi manca un solo gradino per salire sull’altare più ambito. Dalle Parolo (quando vede rossonero s’infiamma) ai fatti. Da qui è cominciato tutto: il volo d’Olympia con Bernabè a cui auguriamo una pronta guarigione come ai bebè. La nostra aquila sarà priva del suo falconiere ma a sostener la Lazio ci sarà sempre la Nord con le sue mille bandiere. Sognando Ibra Cadabra pronto a tornare nella Milano da bere per fare il suo mestiere: gol a mitraglia per ritrovare la sua vecchia famiglia. Prendo la bacchetta e cerco l’antidoto giusto perché con il Diavolo Luis Alberto ci ha trovato gusto. Ha danzato sulle punte come un ballerino di Siviglia e da lì è partita la sua stagione da urlo. Forza mago Luis prendi la bacchetta e fai cose belle per riportare la Lazio nell’Olimpo delle stelle.

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy