• SEGUI LA LAZIO IN DIRETTA: ACCENDI IL CANALE 85 DELLA TUA TV!

Bel gioco, coraggio e grinta: la Lazio è finalmente diventata grande

di redazionecittaceleste

ROMA – Esiste la iettatura? Nel XXI secolo non si crede più a questi miti medievali, eppure ieri sera, all’Olimpico, il Napoli sembra aver lanciato alla Lazio una vera e propria maledizione. Quattro infortuni nella stessa partita. Sembra una barzelletta, ma il finale non fa tanto ridere. I biancocelesti, dopo aver perso Bastos nel primo tempo e de Vrij a inizio ripresa, sono crollati nel giro di dieci minuti. Alzano bandiera bianca anche Milinkovic e Basta. Risultato? Quattro a uno per i partenopei. Una sconfitta amara per la squadra di Inzaghi, che però ha dimostrato di essere diventata finalmente grande. La Lazio bella con le piccole e brutta con le grandi dello scorso anno non c’è più. La vittoria in Supercoppa con la Juve e i quattro gol rifilati al Milan ne erano già una dimostrazione. Serviva l’esame finale e forse ieri sera, se non fosse stato per gli infortuni, la Lazio l’avrebbe anche superato. Nel primo tempo i capitolini hanno giocato alla pari con una delle squadre candidate per la vittoria del campionato. Se lo scudetto resta un sogno, il quarto posto ad oggi non sembra un’impresa così ardua. La squadra biancoceleste gioca bene, ha grinta e non ha paura di nessuno. La Lazio è diventata finalmente grande e adesso tutte la temono.

ONORE AI VINTI

Anche i vincitori di ieri sera hanno reso omaggio ai biancocelesti. Il capitano del Napoli Marek Hamsik, sul proprio sito ufficiale, ha riconosciuto il valore della Lazio: “Siamo riusciti a battere la Lazio, che ha vinto la Supercoppa e ha perso solo due punti in Serie A. E’ una squadra molto forte, molti club non vinceranno contro di loro”. Anche Koulibaly e Callejon, autori dei primi due gol partenopei, hanno applaudito la squadra capitolina. Il difensore del Napoli ha parlato così ai microfoni di Radio Kiss Kiss: Ieri era un test molto importante, vincere con la Lazio non è da tutti, avevano avuto un buonissimo inizio di stagione. Abbiamo superato quest’esame molto bene”. L’esterno spagnolo invece, ai microfoni di Premium, ha ammesso di essere rimasto incantato dal gioco di Inzaghi: “Era una partita difficile, lo abbiamo visto nel primo tempo. Loro hanno una bellissima squadra, giocano bene a calcio e ci stavano mettendo in difficoltà”. 

COME RIPARTIRE

Si riparte domenica, da Verona. La Lazio dovrà dare subito un segnale forte alle avversarie, conquistando tre punti. Una grande squadra ha il compito di rialzarsi in fretta, anche dopo una batosta dolorosa. Il calendario è alla portata dei biancocelesti e fortunatamente gli infortuni non sono seri. Dopo l’Hellas, i capitolini affronteranno lo Zulte Waregem in Europa League e il Sassuolo in casa prima della sosta. Poi si riparte, il 14 ottobre, con la Juve. A Torino sarà difficile fare punti, ma una cosa è sicura: la Lazio andrà lì per vincere. Questa è la mentalità che Inzaghi ha trasmesso ai giocatori. Una mentalità vincente, da grande squadra, quello che la Lazio è ormai diventata. Nel frattempo de Vrij ha mandato un messaggio ai compagni sui social >>> CONTINUA A LEGGERE

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy