Lotito alza la coppa in faccia ad Agnelli e va in trionfo sotto la Nord

Il presidente alza la coppa con i tifosi: “Con loro faremo grandi cose”

di redazionecittaceleste

ROMA – Sotto la Curva tutti con la maglia «Noi l’amiamo e per lei lottiamo». Stampata la Supercoppa, in alto quella vera s’illumina di Lulic, apoteosi della festa. Prorogata con migliaia di laziali nella notte a Formello sugli spalti del Fersini per ballare con la Lazio. Coriandoli di cielo biancoceleste sulla testa di Lotito, sottolinea IlMessaggero, anche lui sotto la Nord. Perché ora davvero la sua “storia dice gloria”: «Abbiamo allestito una squadra competitiva, un gruppo forte. L’ha dimostrato. È un gruppo unito e determinato e abbiamo riconquistato il nostro popolo e i nostri tifosi. La nostra coreografia è stata la più bella in assoluto. I tifosi hanno fatto una coreografia in linea con il valore della storia di questa squadra. Io penso che i risultati si ottengano attraverso l’unione di squadra, società e tifosi: con questo si ottengono grandi risultati. Non ci siamo mai sottratti a fare investimenti e se loro ci supportano faremo grandi cose. Keita? È un problema di cui si occuperà il direttore sportivo».

POTERE SOVVERTITO

Esulta come un matto già in tribuna, il presidente più vincente, ride di fronte al nemico Agnelli, gli alza la coppa in faccia. Adesso quel che succederà succederà, si prendano pure Keita: «Inzaghi ha fatto le scelte in base alle motivazioni che i giocatori hanno mostrato nell’arco della settimana. Se tu hai un giocatore che si allena con determinazione, poi il giorno prima della partita dice ‘Mister non me la sento’, non credo che un tecnico lo manderebbe in campo. Io non mi permetto, e non lo farò mai, di intromettermi nelle scelte dell’allenatore. Questi problemi non ce li ho, così come il ds Tare, che comunque si occuperà sul mercato di Keita». Ora attesa la svolta: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy