• LE ULTIME NOTIZIE SULLA LAZIO? TUTTO IN DIRETTA SUL CANALE 85 DELLA TUA TV! TI ASPETTIAMO!

Luis Alberto vs Paloschi, cercando la stagione del riscatto

Luis Alberto vs Paloschi, cercando la stagione del riscatto

I due vengono da un’annata negativa, ma ora vogliono mostrare tutte le proprie qualità

di cittacelesteredazione

di Simone Cesarei

ROMA- Finalmente campionato, finalmente Serie A. Domani sera la Lazio farà il suo debutto allo stadio Olimpico, dopo la vittoria in Supercoppa, contro la Spal per la prima giornata della nuova stagione. Tutt’altro che una gara semplice per i ragazzi di Inzaghi, che ha predicato attenzione nell’affrontare la neopromossa, che l’anno scorso ha stravinto il campionato di Serie B. Cominciare bene inoltre darebbe un bel segnale a tutto l’ambiente che, dopo il successo ai danni della Juventus, sta vivendo un’euforia che non ha alcuna intenzione di fermare. Importante vincere dunque, ma con umiltà e senza sottovalutare una squadra che può contare su individualità importanti e un collettivo unito e combattivo. I ferraresi si presenteranno infatti all’Olimpico con l’irriverenza della neopromossa e con oltre 1200 tifosi al seguito, pronti a spingere i propri beniamini verso l’impresa. A guidare l’attacco della Spal ci sarà quell’Alberto Paloschi che più volte è stato accostato alla Lazio e che tanto piace al ds Tare. Reduce da un’annata negativa con la maglia dell’Atalanta, il bomber ex Chievo cerca il riscatto in questa stagione, proprio come Luis Alberto, che tra le fila biancocelesti si sta ritagliando un posto importante in squadra dopo esser stato poco più che un oggetto misterioso nella scorsa stagione.

RISCATTO

Paloschi

La stagione del riscatto, per ritrovare se stessi. E’ questo l’obiettivo di Luis Alberto e Paloschi, situazioni diverse ma in qualche modo simili. Destini incorciati che si ritroveranno domenica sera sul campo dell’Olimpico. Il trequartista spagnolo era arrivato la scorsa stagione per sostituire Candreva, ma l’impatto con il campionato italiano è stato tutt’altro che positivo. Utilizzato con il contagocce da Inzaghi, Luis Alberto comincia a sentire quella saudade che spesso si accompagna all’animo di chi sa di aver fallito. Offerte dalla Spagna, il ritorno al Deportivo: l’ex Liverpool sembrava destinato a lasciare la Capitale, lasciando la Lazio come una triste parentesi in una carriera pronta a continuare lontana da Roma. E invece Luis Alberto resta a Roma, e Inzaghi lo rilancia. Nell’ultima parte di stagione, lo spagnolo comincia a far intravedere quelle qualità che avevano convinto il ds Tare ad investire su di lui, illuminando le manovre offensive biancocelesti con personalità e piedi di velluto. Ecco allora la promessa di fine anno a Inzaghi: “Mister, prossima stagione ti convinco”. Una promessa che sembra esser stata mantenuta, con il tecnico piacentino che ormai lo considera un titolare a tutti gli effetti della nuova Lazio. Non ha fatto promesse invece, Alberto Paloschi. Dopo la negativa annata all’Atalanta, in cui ha sofferto l’esplosione di Petagna, il centravanti scuola Milan ha preferito mantenere un profilo basso, lavorando sodo in ritiro per ripagare la fiducia che la Spal ha posto in lui. La salvezza come obiettivo minimo, il riscatto come imperativo. A volte gli ostacoli che si incontrano sul proprio cammino servono a conoscere i propri limiti, a mantenere i piedi per terra cosi da ripartire con più determinazione di prima, ed è ciò che Paloschi è pronto a fare. Sperando che non cominci già da domenica.

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy